Google+

C’eravamo tanto armati. Lettera da Belfast

marzo 31, 1999 Cascioli Riccardo

Cartolina da Belfast.

Se è vero, come è stato detto, che il processo di pace in Irlanda del Nord è come una corsa sulle montagne russe, gli eventi degli ultimi giorni rappresentano la discesa al punto più basso. E il problema è che non c’è alcun segnale che induca a sperare nella risalita, figurarsi arrivare al traguardo previsto del 2 aprile, Venerdì santo, quale data ultima per trovare un compromesso. Il problema attorno a cui si è creato lo stallo è quello della consegna delle armi da parte dell’Ira (l’Esercito repubblicano irlandese), condizione richiesta dal leader unionista, nonchè primo ministro dell’Ulster, David Trimble per accettare l’ingresso nel governo nordirlandese dello Sinn Fein, braccio politico. Trimble, ancora sabato scorso, ha chiesto che l’Ira cominci almeno la consegna: “Solo allora avremo la certezza che la guerra è finita”.

Ma il leader dello Sinn Fein, Gerry Adams, ribatte che la precondizione chiesta dai protestanti non fa parte del cosiddetto “Accordo del Venerdì santo”, firmato il 10 marzo 1998; e che in ogni caso lui non ha il potere di forzare l’Ira a consegnare le armi. Oltretutto, fa notare Adams, forzare l’Ira provocherebbe una frattura al suo interno – dato che la consegna delle armi equivarrebbe a dichiarare la propria sconfitta- con il rischio di veder nascere nuovi gruppi che riprendono la lotta armata. La situazione è poi peggiorata con lo choccante omicidio della nota avvocatessa cattolica Rosemary Nelson, i cui autori si sospetta siano legati alla polizia nordirlandese (Ruc, Royal Ulster Constabulary) e ai gruppi paramilitari lealisti che hanno proclamato l’armistizio.

I sospetti rendono ancora più improbabile la consegna delle armi da parte dell’Ira, ma soprattutto evidenziano che il principale problema sta nella divisione nel campo unionista: Trimble sa bene che almeno la metà della comunità protestante è contraria agli accordi e anche diversi esponenti di primo piano del suo partito (Ulster Unionist Party, Uup) sono sul fronte opposto. E cedere sulla questione delle armi rischia di fargli perdere il sostegno necessario a portare avanti l’accordo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.