Google+

Centrafrica. «Uomini uccisi a colpi di machete, corpi mutilati, testicoli tagliati. Qui è l’Inferno di Dante»

gennaio 31, 2014 Leone Grotti

La testimonianza da Bangui di Peter Bouckaert, direttore delle emergenze per Human Right Watch: «Scene di assoluto orrore, orgia di spargimenti di sangue. I musulmani pagano le violenze dei Seleka»

«Scene di assoluto orrore». Così Peter Bouckaert, direttore delle emergenze per Human Right Watch (Hrw), ha descritto alla Bbc ciò che ha visto mercoledì scorso in Centrafrica, dopo essere appena arrivato all’aeroporto della capitale Bangui.

«CORPI MUTILATI». «Abbiamo trovato un gruppo molto numeroso di persone a pochi metri da alcuni soldati francesi – ha dichiarato – La folla stava mutilando i corpi di due musulmani che avevano appena ucciso a colpi di machete. Hanno tagliato a uno di questi uomini i testicoli e glieli hanno messi in bocca».
A colpire il responsabile di Hrw è stata l’inazione dei soldati francesi: «Erano lì, a pochi metri di distanza con il loro blindato e non hanno fatto niente per fermarli. Sembra di essere nell’inferno descritto da Dante: in città i musulmani, così come prima i cristiani, non sono più al sicuro».

LA VIOLENZA CONTINUA. Nonostante i ribelli islamisti della coalizione Seleka siano quasi tutti fuggiti dal paese e il presidente golpista Michel Djotodia sia stato costretto a dimettersi in favore del primo presidente (ad interim) donna del Centrafrica, Catherine Samba-Panza, le violenze non si fermano in Centrafrica.
Un milione di persone (20% della popolazione) è sfollato e le milizie cristiane di auto-difesa, dette anti-balaka, si stanno vendicando sui musulmani dopo aver subito senza reagire per 10 mesi «abusi e violenze terrificanti».

«I MUSULMANI PAGANO». «I Seleka sono fuggiti, oltre che per non subire le vendette dei centrafricani, anche per non rispondere dei gravissimi crimini che hanno commesso – dichiara Bouckaert alla Bbc – Ora però è la comunità musulmana a pagarne le spese. Ci hanno parlato anche di bambini uccisi davanti ai genitori. È davvero un’orgia di spargimenti di sangue».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. beppe says:

    l’africa agli africani……..

  2. beppe says:

    ……..e la kyenge…A NOI!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.