Google+

La video arte brutale di Theys rivela le nostre contraddizioni (con un messaggio di redenzione)

agosto 12, 2013 Mariapia Bruno

Crudo e senza peli sulla lingua Koen Theys crede fermamente che l’arte venga sempre assorbita dal circolo del potere, anche se gli artisti fanno di tutto per evitarlo. «È meglio concepirla sin dall’inizio sulla base di questo “assorbimento”, all’interno di questa negatività» afferma questo pioniere della video arte belga di cui è bene fissarsi a mente il nome. Certo, i più suggestionabili proverebbero ribrezzo o orrore di fronte a certi filmati cruenti che sono, in realtà, ben lungi da qualunque mero gusto dell’orrido o perversione macabra.

Ipercritico – inutile a dirlo – nei confronti della società, dell’arte e della cultura, Theys – momentaneamente protagonista della retrospettiva Home-Made Victories, aperta fino al 18 agosto allo S.M.A.K. di Gand (Belgio) – sottolinea con ironia le contraddizioni non solo dell’artista, ma anche dell’uomo, contemporaneo che vive il conflitto tra due desideri contraddittori: essere unico, dunque distinguersi per la sua eccezionalità di individuo, e appartenere a un gruppo, evitando in questo modo l’isolamento. Toccante l’opera Crime 01 che, in due schermi, proietta, da un lato il filmato di un uomo con il viso coperto dalla maschera di un cane della Disney che fa a pezzi il corpo di un cane per poi creare con i resti una sorta di natura morta, visibile nell’altro monitor, dove al centro vagisce un bambino nella culla. Qui il disgusto dell’artista per la violenza e il messaggio simbolico del ciclo della vita: la nascita, la morte, la resurrezione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.