Google+

La video arte brutale di Theys rivela le nostre contraddizioni (con un messaggio di redenzione)

agosto 12, 2013 Mariapia Bruno

Crudo e senza peli sulla lingua Koen Theys crede fermamente che l’arte venga sempre assorbita dal circolo del potere, anche se gli artisti fanno di tutto per evitarlo. «È meglio concepirla sin dall’inizio sulla base di questo “assorbimento”, all’interno di questa negatività» afferma questo pioniere della video arte belga di cui è bene fissarsi a mente il nome. Certo, i più suggestionabili proverebbero ribrezzo o orrore di fronte a certi filmati cruenti che sono, in realtà, ben lungi da qualunque mero gusto dell’orrido o perversione macabra.

Ipercritico – inutile a dirlo – nei confronti della società, dell’arte e della cultura, Theys – momentaneamente protagonista della retrospettiva Home-Made Victories, aperta fino al 18 agosto allo S.M.A.K. di Gand (Belgio) – sottolinea con ironia le contraddizioni non solo dell’artista, ma anche dell’uomo, contemporaneo che vive il conflitto tra due desideri contraddittori: essere unico, dunque distinguersi per la sua eccezionalità di individuo, e appartenere a un gruppo, evitando in questo modo l’isolamento. Toccante l’opera Crime 01 che, in due schermi, proietta, da un lato il filmato di un uomo con il viso coperto dalla maschera di un cane della Disney che fa a pezzi il corpo di un cane per poi creare con i resti una sorta di natura morta, visibile nell’altro monitor, dove al centro vagisce un bambino nella culla. Qui il disgusto dell’artista per la violenza e il messaggio simbolico del ciclo della vita: la nascita, la morte, la resurrezione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana