Google+

Tragedia della follia, Ingroia si crede Borsellino e il Fatto quotidiano si crede la Bibbia

luglio 19, 2012

 Si sa che, con il caldo, i disturbi della personalità tendono ad aggravarsi e rischiano di esplodere in crisi acute che sfociano nel più classico dei titoli di giornale: “Tragedia della follia”.

Il fiato di Caronte e Minosse sembra aver dato la stura a una teoria senza fine di crisi di identità.

Il Fatto quotidiano si crede la Bibbia.

Bersani si crede Vasco Rossi.

Bossi si crede Maroni e Maroni si crede Bossi.

Belen si crede incinta, e io non ne so niente.

I pompieri spagnoli si credono modelli di Vogue.

Raffaele Lombardo si crede un amministratore lombardo.

E, quel che è peggio, Ingroia si crede Borsellino.

A me piacerebbe tanto sentirmi Ibrahimovic, ma tengo duro.

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Ingroia si autocelebra come erede morale e materiale di Borsellino e in questo è buon secondo dopo che Don Leoluca Orlando lo ha già fatto (con infinita faccia tosta) nei confronti di Falcone. Andando su Wikipedia si trova che Ingroia fu scelto personalmente da Borsellino nell’87 che non voleva lasciarsi sfuggire cotanto genio, come fonte viene citato solo un articolo di Repubblica (un po’ poco, anzi come dire un bel nulla). Può anche darsi che sia stato Borsellino a prendersi Ingroia, ma come dicevano i latini anche Omero ogni tanto si addormentava e in ogni caso la gente cambia in venticinque anni. Può darsi che venticinque anni fa Borsellino abbia visto in quel giovane magistrato di belle speranze qualcosa che poi i fatti hanno smentito.
    Voglio credere, per la stima che ho per Paolo Borsellino, che oggi persone di specchiata moralità come Falcone e Borsellino non vorrebbero neppure rivolgere la parola a personaggi come l’ Ingroia di oggi (di quello di 25 anni fa ci restano solo gli articoli di Repubblica).

    • Franco Molon scrive:

      Ciao Mappo, grazie per il commento. Ci aggiungo che, a quanto pare, anche la fiction tv è uno strumento nelle mani del nostro pm per accreditarsi. Nel film “Paolo Borsellino – I 57 giorni” il personaggio di Antonio Igroia gode di una sceneggiatura che va oltre l’imbarazzante agiografia medioevale.

Tempi Motori – a cura di Red Live

Star lo era già, lo è sempre stato. Ora il leggendario Barry Sheene si racconterà sul grande schermo, sta per arrivare infatti il film dedicato a uno dei piloti più amati di sempre.

La Casa nipponica crede nella propulsione elettrica e in occasione del Salone di Ginevra presenta una crossover concept a zero emissioni forte della trazione integrale e di un’autonomia di 400 km.

Immagini suggestive, girate a Navados De Chillan, fanno da sfondo al lancio della nuova versione

Entro il 2017 è atteso il debutto della nuova monovolume elettrica Opel, parente stretta di Chevrolet Volt. Potrà contare su di un’autonomia superiore a 300 km e una generosa abitabilità.

Derivata dall’estrema 620R, ne condivide il 2.0 Ford supercharged da 314 cv. Il peso cresce da 500 a 610 kg a causa di alcune concessioni al comfort, ma le prestazioni restano degne di una supercar.

Speciale Nuovo San Gerardo