Google+

Più di mille proteste No Expo poté una canzone napoletana

maggio 10, 2015 Pippo Corigliano

Italy Expo 2015

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Mi sono commosso quando in piazza Duomo a Milano si è cantato in coro O Sole mio nel giorno della festa per l’Expo. Ho pensato che siamo un paese unito e che le nostre differenze sono ricchezze. Don Giussani, brianzolo e milanese d’adozione, amava le canzoni napoletane. Napoli, prostrata dalla storia, continua a spargere le sue ricchezze d’umanità. In ogni ambiente quando c’è un napoletano c’è una nota distesa.

Mi è piaciuta la nonna abruzzese che ha apostrofato i facinorosi. Anche lei sentiva Milano come la “sua” città. Ci ho vissuto negli anni Settanta, gli anni di piombo: anche allora il buon senso e l’operosità dei milanesi hanno sommerso il terrorismo. I manifestanti No Expo non si rendono conto che le ingiustizie mondiali non si combattono incendiando le macchine dei cittadini ma con l’intelligenza e la cultura, doti che gli italiani hanno in abbondanza.

Papa Francesco difende i poveri e sa bene che non basta distribuire pasta e fagioli. La vera battaglia è trovare le cause del divario che vede gli 80 uomini più ricchi guadagnare quanto 3 miliardi e mezzo di persone povere. Il suo videomessaggio per l’inaugurazione dell’Expo vale immensamente più delle sterili proteste.

Occorrono studiosi, politici, persone di buona volontà per affrontare il problema con l’aiuto della Provvidenza. Coraggio, cerchiamo di formare giovani che sappiano prendersi responsabilità per il bene comune e non per la propria carriera. Con giovani di cultura e di cuore (milanese o napoletano che sia) ce la faremo.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana