Google+

Perché la Cina fonda una città su un isolotto di due chilometri quadrati e ci manda l’esercito?

luglio 24, 2012 Leone Grotti

C’è un ufficio postale, una banca, un supermercato, un ospedale, un municipio, un sindaco, un segretario di Partito, 45 deputati, mille abitanti e basta. Questa è Sansha, una città che la Cina ha fondato a giugno e che ha il suo centro amministrativo su un piccolo isolotto, Woody island, che si potrebbe anche definire scoglio, di 13 chilometri quadrati. Il 23 luglio Xiao Jie è stato eletto sindaco e Fu Zhuang segretario di partito. Entrambi governeranno su due milioni di chilometri quadrati di mare. Di più: Pechino vi ha schierato una intera guarnigione militare, «responsabile nella gestione della difesa, dell’approvvigionamento delle scorte e del coordinamento delle operazioni militari».

Ma perché mai un impero economico e militare come la Cina dovrebbe fondare una nuova città con sede su un isolotto sperduto nel Mar cinese meridionale per mille abitanti e mettervi a difesa un’intera guarnigione militare? Semplice, per quello che c’è attorno e sotto l’acqua. L’isola di Woody si trova infatti nell’arcipelago delle isole Spratly e Paracel, nel Mar cinese meridionale che, secondo le stime, nasconde 30 miliardi di tonnellate di petrolio e 16 mila miliardi di metri cubi di gas.

Non stupisce perciò che la Cina, sempre affamata di materie prime, voglia metterci le mani. Peccato che non sia l’unico paese interessato. L’arcipelago in questione, infatti, è rivendicato nell’ordine anche da Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia. Filippine e Vietnam accusano Pechino di manovre sempre più aggressive per appropriarsi delle isole senza il consenso internazionale. Per questo i due paesi cercano alleati validi, oltre che negli Stati Uniti, nell’Asean (Associazione dei paesi del Sudest asiatico). Ma l’ultimo raduno, che si è svolto poche settimane fa in Cambogia, non ha portato a nessuna risoluzione contro la Cina, che fa valere sul voto di molti paesi i suoi aiuti economici. Resta da vedere le contromisure che prenderanno soprattutto Filippine e Vietnam.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    mica scemi i cinesi! dovremmo fare la stessa cosa con lampedusa!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

Debutto o ritorno? In realtà entrambe le cose perché se Moto Morini ha avuto anche un passato a pedali, la versione a motore rappresenta comunque una novità. Completamente nascosti alla vista, ad assistere la pedalata ci sono un motore da 250 W, una batteria agli ioni di Litio, il meccanismo per la frenata rigenerativa e […]

L'articolo Moto Morini di nuovo a pedali proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana