Google+

Partorire un’altra volta

maggio 16, 2016 Marina Corradi

camera-disordine-shutterstock_251686522

Pubblichiamo la rubrica di Marina Corradi contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Milano, maggio. Questa domenica la casa è vuota, a parte noi due, il cane e i gatti. I figli, in giro: chi dalla fidanzata, chi a una gita, chi a una festa. È assolutamente giusto, mi dico, che a diciotto o vent’anni, e anche prima, vadano per la loro strada. E che angoscia sarebbe invece vederli chiusi in casa, da soli. In questo primo maggio invece sono tutti, felicemente, altrove.

Certo, la casa è grande, e senza di loro il lungo corridoio – quello in cui si rincorrevano gridando, da piccoli – è così silenzioso. La stanza dei due maschi, un po’ spoglia, con le maglie e le scarpe abbandonate a casaccio, come fanno loro. Quella della figlia, invece, dalla netta dolce impronta femminile. Ma entrambe vuote, con i gatti che indolenti mi fissano, dai cuscini di cui si sono appropriati.

Il soggiorno poi, con la tv spenta, e la cucina, troppo grande, senza le loro voci. A tavola, due soli piatti sono pochi. Faccio fatica a reggere questo silenzio. (Quando leggo del desiderio affannoso delle coppie che non riescono ad avere figli, io capisco bene il loro dolore e la loro domanda. Però, mi chiedo, lo sapranno che quel figlio che anelano non è una cosa che si possiede, e che già a sedici anni vorrà scegliersi gli amici, e poi la vita?).

In verità, la fine della loro adolescenza per me è come un partorire un’altra volta, un metterli definitivamente al mondo. Perché quando nascono li tieni fra le braccia, e puoi credere che siano tuoi; ma adesso, occorre lasciarli andare. Ed è più difficile, e più duro. La casa che colmavano con le loro grida e le Barbie, e il Lego in cui sempre si inciampava, mi sembra un guscio abbandonato. A volte portano a casa gli amici, e allora attorno al gran tavolo in cucina tornano voci e risate, e io dalla mia stanza ne respiro felice l’eco. Sono contenta persino di lavare i piatti delle spaghettate improvvisate. Mi accorgo che quando passo davanti a questi giovani ospiti c’è un istante di silenzio, come se comparisse uno straniero; e mi ricordo come anche per me era così, quando a casa delle amiche arrivava la mamma, e allora tutte si taceva un istante; essendo quella adulta gentile evidentemente altra da noi, diciottenni. Mi pare, a dire la verità, passato così poco, da quando ero io, come loro. Ma taccio, certo: certe cose non si dicono.

Mi godo quindi i giorni in cui la casa è piena di vita, come si godono gli ultimi giorni caldi d’estate. Non dirò mai ai miei figli: restate. Loro, devono andare.

Aspetterò, paziente, che il tempo scorra, e che infine arrivino i nipoti che statisticamente, mi dico a consolarmi, mi spetterebbero, secondo i miei calcoli. E quando me li porteranno questa casa grande di nuovo respirerà, piena di vita.

Nelle stanze vuote percorse dai gatti padroni, a coda alta, quasi insolenti, sorrido infine di questo secondo parto che si compie in silenzio. Andate, ragazzi: non siete nostri, ci siete stati soltanto affidati.

Foto vestiti da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana