Google+

Pakistan. Due cristiani accusati di blasfemia arsi vivi in una fornace dove si cuociono i mattoni

novembre 4, 2014 Redazione

Tratto da Fides Lahore – Una coppia di cristiani, lui il 26enne Shahzad e lei, la 24enne Shama, sono stati arsi vivi da una folla di musulmani, provenienti da cinque villaggi a Sud di Lahore , che li accusavano di aver commesso blasfemia, per aver bruciato delle pagine del Corano. Lo comunica all’Agenzia Fides l’avvocato cristiano Sardar Mushtaq Gill, difensore dei diritti umani, che è stato chiamato da altri cristiani e si è recato sul luogo del tragico avvenimento, il villaggio “Chak 59”, nei pressi della cittadina di Kot Radha Kishan, a sud di Lahore. I due, che lavoravano in una fabbrica di argilla, sono stati sequestrati e tenuti in ostaggio per due giorni, a partire dal 2 novembre, all’interno della fabbrica. Questa mattina alle ore 7.00 sono stati spinti nella fornace dove si cuociono i mattoni.

Come spiegato a Fides dall’avvocato Gill, l’episodio incriminato, cioè la supposta blasfemia, è relativo alla recente morte del padre di Shahzad. Due giorni fa Shama, ripulendo l’abitazione dell’uomo, aveva preso alcuni oggetti personali, carte e fogli dell’uomo, ritenuti inservibili, facendone un piccolo rogo. Secondo un uomo musulmano che ha assistito alla scena, in quel rogo vi sarebbero state delle pagine del Corano. L’uomo ha quindi sparso la voce nei villaggi circostanti e una folla di oltre 100 persone ha preso in ostaggio i due giovani. Stamane il tragico epilogo. La polizia, avvisata da altri cristiani, è intervenuta constatando il decesso e arrestando, per un primo interrogatorio, 35 persone. L’avvocato Gill dice a Fides: “E’ una vera tragedia, è un atto barbarico e disumano. Il mondo intero deve condannare fermamente questo episodio che dimostra come sia aumentata in Pakistan l’insicurezza tra i cristiani. Basta un’accusa per essere vittime di esecuzioni extragiudiziali. Vedremo se qualcuno sarà punito per questo omicidio”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

8 Commenti

  1. ftax scrive:

    Non c’è niente da commentare.
    C’è solo da prendere atto che il nuovo nome del nazismo nel mondo è: FANATISMO ISLAMISTA.

  2. marco53 scrive:

    D’accordo con Ftax.Quirico lo ha chiamato jihadismo bolscevico, ma lo ricordo per dire che è la stessa cosa.

  3. Nino scrive:

    E’ una terribile atrocità!

  4. giuliano scrive:

    e che volete che sia, sono musulmani moderati questi, come tutti gli altri, e che la compagna Boldrini ama visceralmente perchè dice: “l’islam è una religione di pace”

  5. mike scrive:

    forse è una cosa a prescindere dall’islam. pakistan, india, bangla desh e pure afghanistan mi sembrano (e da tempo) i più violenti e barbari della terra. forse sono pure peggio dell’isis. il che è tutto dire.

  6. renato provezza scrive:

    chissà se lo sa la boldrini….poverina chissà che trauma

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'abbinata Q+ composta da ruote Qurano 46 e tubolari Corsa Speed ha fatto bella figura: scorrevolezza, efficacia, feeling e comfort si trasformano in piacere di guida. E il tutto orgogliosamente tricolore

Le calzature top della gamma Road e Mtb si apprestano ad affrontare la nuova stagione con una serie di migliorie che ne alzano ulteriormente il livello tecnico e le prestazioni

Al Motor Show di Bologna debutta la smart forfood, che gioca a fare il piccolo ristorante stellato su ruote. Padrino dell'operazione è lo chef Davide Oldani

L’annuncio-shock di Nico Rosberg fa quasi storia a sé: come lui solo Mike Hawthorn, Jackie Stewart e Alain Prost

500 km in otto giorni, fra la vigilia di Natale e Capodanno. È la sfida che, dal 2010, Rapha organizza per invitare ogni ciclista a celebrare il proprio impegno per la causa.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana