Google+

Nigeria. La marcia per le studentesse rapite (e forse già vendute come schiave)

aprile 30, 2014 Redazione

nigeria-studentesse-rapite-marciaArticolo tratto dall’Osservatore Romano – Abuja, 30. I genitori delle 234 ragazze rapite a metà aprile a Chibok, nello Stato nordorientale nigeriano del Borno, si sono recati ieri nella capitale federale Abuja per una manifestazione di protesta davanti al Parlamento. Le famiglie delle ragazze accusano il Governo del presidente Goodluck Jonathan di non aver dato risposte efficaci alla sfida lanciata da Boko Haram, il gruppo responsabile del sequestro e autore da quattro anni di attacchi e attentati terroristici che hanno causato migliaia di vittime. Sempre ad Abuja stanno sfilando questa mattina migliaia e migliaia di donne vestite di rosso — le promotrici dell’iniziativa l’hanno chiamata «Un milione di donne in marcia» — per chiedere alle autorità di fare in modo che le studentesse rapite a Chibok tornino a casa. All’iniziativa, lanciata da Hajiya Nana Kashim Shettima, la moglie del governatore del Borno, lo Stato in cui Boko Haram ha il suo principale radicamento, partecipano numerose associazioni locali di donne musulmane e cristiane.

Sulla possibilità che le ragazze tornino a casa cresce però il pessimismo. Secondo fonti citate dall’emittente britannica Bbc, sarebbero state portate in Ciad e in Camerun. Ci sono voci insistenti che sarebbero state costrette a matrimoni forzati con militanti di Boko Haram o vendute come schiave.

Il gruppo islamista, intanto, ha sferrato ieri un nuovo attacco, uccidendo otto persone nel villaggio di Kubla, nello Stato dell’Adamawa. Secondo testimoni, i ribelli hanno sparato sulla folla, incendiato case, lanciato esplosivi contro la chiesa del villaggio, e sequestrato alcune persone. L’Adamawa è uno dei tre del nord-est, insieme con il Borno e lo Yobe, dove è in vigore da un anno lo stato d’emergenza deciso dal presidente Jonathan. Contro Boko Haram è in atto da allora un’operazione dell’esercito che, peraltro, non ha ottenuto i risultati che il Governo di Abuja si prefiggeva. Le violenze sono anzi aumentate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    Beh, ma noi in Occidente siamo evoluti…mica ci scandalizziamo per qualche studentessa rapita da fanatici musulmani… ci scandalizziamo solo e soltanto se vengono violati I diritti dei gay africani tanto da chiudere il rubinetto degli aiuti economici per questi paesi.
    Eh, cosa dici, Obama, della tua Africa? Tanto è anche sovrapopolata, duecento studentesse in più o in meno cosa vuoi che siano?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana