Google+

Modigliani e gli amici di Montparnasse in mostra al Palazzo Reale di Milano

febbraio 11, 2013 Mariapia Bruno

Nei primi del Novecento pittori, scrittori, intellettuali, e anche rifugiati politici partivano alla volta di Parigi, questa volta diretti non nella collinetta di Montmarte a dipingere en plain air come i loro colleghi impressionisti o gli amanti di club come le Chat Noir, ma nel quartiere degli artisti -che oggi chiameremmo alternativi – ad est della Senna. Lasciata alle spalle la vita precedente, nella zona di Montparnasse, ognuno di essi cercava di salvare il proprio sogno, come Modigliani, sbarcato dans la Ville Lumière nel 1906, era solito affermare. Soutine, Utrillo, Suzanne Valadon, Kisling, Hemingway, Miller, Jarry e Cocteau furono i protagonisti di quelle strade e di uno stile di vita a cui il Palazzo Reale di Milano dedica la retrospettiva intitolata Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter.

Aperta dal prossimo 21 febbraio all’8 settembre 2013, la mostra milanese espone una serie di opere che, come afferma il curatore Marc Restellini, «non sono state mostrate al pubblico da più di settantʼanni, e oggi ricompaiono come per magia, come uscite da un altro mondo». Lontani dall’aria viziata delle trattorie a buon mercato, delle bettole e delle cantine dove gli artisti erano soliti riunirsi per bere e discutere di arte e politica, quel che ci resta dei loro tempi sono queste preziose creazioni che hanno cambiato ancora una volta i canoni estetici ormai storicizzati, apportando rivoluzioni nel modo di dipingere paesaggi – lontani ormai dai canoni del naturalismo – e ritratti, come nel caso di Modigliani, lontani da qualunque logica realista ma vicini allo sguardo spesso sperduto dell’anima.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download