Google+

Il mistero dell’ex voto di Korbuly, il giudice comunista che perseguitò vescovi e suore

aprile 1, 2016 Angelo Bonaguro
Lourdes_Bratislava

La Grotta di Lourdes sul colle Kalvária, a Bratislava

Nell’agosto del 1881 a Lourdes arrivò un gruppo di pellegrini slovacchi. «Tornammo a casa arricchiti per tutta la vita», scrisse all’epoca la contessa Gabriela Szápáry, che sull’onda dell’entusiasmo decise di ricreare a Bratislava la grotta delle apparizioni. Così nel 1892 si scelse come luogo la cava di pietra sul colle dove anticamente esisteva già una sorta di «sacro monte» con il percorso della Via Crucis. Sostenuta da molti devoti a Maria, la contessa sistemò la cava dove venne collocata una statua della Vergine di Lourdes offerta dalle operaie di una tessitura. La grotta fu benedetta il 15 settembre 1892, e divenne subito un luogo di pellegrinaggio. Nel 1946 la statua di gesso originale fu sostituita da una nuova in marmo bianco, benedetta dal vescovo Buzalka.

Sopra la grotta fu poi edificata una chiesina dedicata alla Madonna della neve, il cui campanile alto 50 metri fu distrutto nel 1959 perché non superasse in altezza lo Slavín, il tetro monumento ai soldati dell’Armata Rossa che liberarono la capitale slovacca nell’aprile del ’45. Ma – narra la leggenda metropolitana – Dio non si perse d’animo, e col suo senso dell’umorismo brigò perché la statua del soldato sovietico posta in cima all’obelisco comunista avesse la forma della lettera B, proprio come la parola «Boh», «Dio»…

Oggi sono oltre quattromila le targhe commemorative che fungono da ex voto e che tappezzano le pareti dell’anfiteatro ricavato davanti alla grotta. Sulle targhe si leggono suppliche e ringraziamenti di ogni tipo e in varie lingue: c’è chi ringrazia la Vergine per essere scampato alla guerra, chi per essere stato liberato dal campo di lavoro in epoca comunista, un altro per aver trovato l’anima gemella, chi semplicemente prega per passare gli esami universitari, o per la salute. Mescolato tra le migliaia di ex voto consumati dagli anni, ce n’è uno molto particolare: reca una breve iscrizione in ungherese, «Maria aiuta sempre», accompagnata dalla data (1958) e dall’indicazione del donatore, anch’esso secondo la sintassi magiara: Korbuly Pál.

Pavol Korbuly (1906-1970).

Pavol Korbuly (1906-1970)

In Slovacchia oggi pochi sanno chi era il giudice Pavol (Pál) Korbuly, e scarne sono le informazioni biografiche reperibili su di lui. Di evidenti origini ungheresi, era nato nel 1906 a Nemesócsa, aveva messo su famiglia nel ’38 e nell’immediato Dopoguerra aveva fatto carriera come giudice nella capitale slovacca, divenendo poi un promotore convinto della giustizia politica comunista nei processi-farsa più importanti dei primi anni Cinquanta, fino a ricoprire l’incarico di direttore della sezione regionale del ministero della Giustizia tra il 1954 e il 1956.

Fu Korbuly a condannare all’ergastolo nel 1950 il vescovo Buzalka, morto di stenti negli anni Sessanta, e con lui i vescovi «traditori» Ján Vojtaššák e Pavol Gojdič, l’eparca greco-cattolico proclamato beato come martire. «Dobbiamo continuare ad agire senza compromessi e con pugno di ferro contro i nostri nemici, senza stare a guardare se indossano i paramenti episcopali oppure no», aveva scritto nel suo rapporto. E fu sempre Korbuly a condannare per «alto tradimento» suor Zdenka Schelingová, la giovane religiosa delle suore della carità che non resse alle brutalità fisiche e psichiche del regime, fu «amnistiata» nel 1955 per evitare che morisse in carcere ed è stata beatificata da Giovanni Paolo II.

Kobuly_ex_voto

L’ex voto di Korbuly

Nella seconda metà degli anni Cinquanta, tuttavia, il giudice inflessibile finì in disgrazia, non sappiamo esattamente per quale motivo. Sembra che avesse preso posizione a favore della rivolta d’Ungheria dell’ottobre 1956, soffocata nel sangue, e avesse caldeggiato una riforma del regime. Sta di fatto che nel 1960 lo ritroviamo a sua volta condannato per «sovversione» a 3 anni e mezzo di carcere. E doveva già essersi convertito visto che nel ’58 fece apporre la sua targa in onore della Madonna, con tutti i rischi che ne derivavano.

In quegli anni, raccontano le poche memorie conservatesi, chi fosse passato la mattina presto o la sera tardi presso la chiesa dell’Assunta lungo il viale Blumentál a Bratislava, avrebbe potuto vedere un anziano percorrere in ginocchio una cinquantina di metri fino all’antico crocefisso ligneo, come a chiedere perdono per le ingiustizie commesse che ancora gli pesavano sulla coscienza.

Pavol Korbuly morì il 1° maggio del 1970. Non sappiamo in quale modo fu misteriosamente aiutato dalla Vergine.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se non hai ancora trovato il regalo giusto per te o per i tuoi amici di pedalate esplora la nostra lista di doni. 3EPIC WINTER RIDE – ISCRIZIONI A PARTIRE DA 10 EURO Nutrite una passione per la fat bike e vi piacerebbe farvi il regalo di pedalare sulla neve dal Lago ghiacciato di Misurina […]

L'articolo Bici, le idee regalo per il Natale 2017 proviene da RED Live.

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download