Google+

Medjugorie, una finestra spalancata sull’eternità

marzo 18, 2014 Giovanni Fighera

«Sotto ogni aspetto, da ogni angolatura la osservi, Medjugorje è una finestra spalancata sull’eternità» scrive il giornalista Riccardo Caniato nella prefazione dell’ultima sua opera Medjugorie. Paradiso solo andata (Ares). Dopo Maria, alba del terzo millennio. Il dono di Medjugorie e «La Madonna si fa la strada». Civitavecchia nel tempo di Maria, Caniato torna su quello che padre Livio Fanzaga ha definito l’avvenimento del secolo XX e si muove con spirito giornalistico, alla ricerca dei luoghi, dei personaggi, dei fatti accaduti in questi trentadue anni, dal 25 giugno 1981, da quando per sei veggenti sono iniziate le apparizioni della Madonna.

Da allora una giovane donna bellissima, che afferma di essere la Madre di Cristo, appare ogni giorno ai veggenti di Medjugorie. È venuta «per dire al mondo: – Dio esiste! Dio è verità! Solamente in Dio c’è la felicità e la pienezza della vita… Solo in Dio deriva la vera gioia dalla quale deriva la vera pace». Ogni nostro affanno nasconde il desiderio di Dio, la brama di Assoluto, di Infinito, di una felicità compiuta. «Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in Te» scrive sant’Agostino nelle Confessioni. Il nostro cuore non ha misura e può essere colmato solo da chi è oltre ogni misura umana.

Qual è il cuore di Medjugorie? La tradizione della Chiesa ha da sempre riconosciuto nella Madonna la nostra avvocata e mediatrice presso il Figlio Gesù. La Madre, infatti, porta al Figlio e ce lo indica come unica via alla salvezza. Un fedele culto mariano non può che indirizzare a Colui che è «la via, la verità e la vita». La Madonna è stata colei che ha contribuito alla redenzione dell’umanità attraverso l’incarnazione di Cristo. Il fiat che Maria rivolge all’Angelo è il mezzo grazie al quale Dio si è fatto carne. La Madonna ha collaborato alla redenzione del mondo, in un certo modo è corredentrice. Dio ha voluto tutta la disponibilità dell’uomo, Dio ha bisogno degli uomini come recita il titolo di un famoso film diretto da Jean Delannoy. Proprio in grazia dei suoi futuri meriti, Dio ha preservato Maria dal peccato, Lei è la sine labe concepta (la «partorita senza peccato»), l’Immacolata concezione, ricettacolo di misericordia, di pietà e di ogni tipo di carità. La Madonna è per noi continua fonte di speranza cui guardare sempre, anche nei momenti di grande difficoltà: se qualcuno volesse una grazia e non ricorresse a Lei, sarebbe come se un essere vivente fosse sprovvisto di ali e volesse volare.

Se è vero che a Medjugorie sono stati testimoniati grandi miracoli, è anche vero che il più grande di tutti è sempre la conversione del cuore. A Medjugorie Caniato ha incontrato Cristo e la Chiesa «in modo attuale, concreto, provocante» come scrive monsignor Luigi Negri nella «Prefazione». La sua vita è diventata «maturamente cristiana e la cultura degli inizi della sua esistenza è diventata visione organica della realtà; […] il suo cuore è un cuore che ama, ama gli uomini attraverso il suo lavoro, attraverso la sua testimonianza e il suo sacrificio di padre, attraverso l’impegno in questa vita sociale così spaventosamente disintegrata e disumanizzata». Quante sono le testimonianze di persone non solo guarite, ma trasformate nell’anima attraverso l’evento di Medjugorie! Il libro racconta storie straordinarie, sia miracoli di persone guarite in maniera incomprensibile, sia i frutti di carità e di spiritualità suscitati a Medjugorie. Se è vero che dai frutti si riconosce la pianta, chi si reca a Medjugorie non può non avvertire la grazia dell’eterno che è entrato nella vita dell’uomo da duemila anni, ogni giorno, da quando Verbum caro factum est, ovvero da quando «il Verbo si è fatto carne». Da allora il presente spalanca la sua finestra sull’eterno. Che cosa porta a casa un pellegrino? Senz’altro pace e tranquillità. Chi ci va (io mi metto tra questi) porta a casa letizia, serenità, speranza e una fede fortificata o rinata. Ha visto una parrocchia cui guardare, il miracolo della conversione di tanti uomini e, magari, anche la propria, l’anelito dell’uomo alla confessione, l’opera di tante persone che, dopo l’incontro con Medjugorie, hanno visto la propria vita cambiata e trasformata. Ha detto papa Francesco ultimamente: «Questo è camminare nella vita con questo spirito: lo spirito di Dio, che ci aiuta a giudicare, a prendere decisioni secondo il cuore di Dio. E questo spirito ci dà pace, sempre! È lo spirito di pace, lo spirito d’amore, lo spirito di fraternità. E la santità è proprio questo. Quello che Dio chiede ad Abramo – Cammina nella mia presenza e sii irreprensibile – è questo: questa pace. Andare sotto la mozione dello Spirito di Dio e di questa saggezza. E quell’uomo e quella donna che camminano così, si può dire che sono un uomo e una donna saggia. Un uomo saggio e una donna saggia, perché si muovono sotto la mozione della pazienza di Dio».

Caniato si rivolge  a tutti, a quanti non hanno ancora incontrato la realtà di Medjugorie e a coloro che già vi si sono recati in pellegrinaggio. Con piglio giornalistico e avvincente, in maniera documentata e, nel contempo, personale Caniato ricostruisce questa storia (che è la sua storia) che continua ormai da trentadue anni, dalla prima apparizione alle opere che sono nate come grande frutto della presenza di Maria tra noi, presenta i volti dei veggenti e li intervista, affronta il tema sconcertante dei dieci segreti e del viaggio nell’Aldilà compiuto da due dei sei veggenti, gli straordinari miracoli avvenuti in questi anni e le conversioni di tanti uomini, mai trascurando quello che ha significato e significa per lui l’incontro con Medjugorie, che è, in ultima analisi, l’incontro con Cristo e con la Madonna. Ad Jesum per Mariam diceva san Bernardo. «Stella del Mattino, nella devozione popolare. Stella Maris, l’ha definita san Bernardo. La Vergine Maria brilla nella Storia degli uomini, punto di riferimento sicuro, per le generazioni in cammino su questa nostra Terra. Perche sotto la Croce è diventata nostra Madre, accogliendo una precisa richiesta di suo Figlio» (Caniato). E si può davvero testimoniare che per molti l’incontro con Gesù avviene attraverso l’abbraccio misericordioso della Madonna.

Caterina da Genova affermava che in Terra si provassero già le condizioni dell’Aldilà, l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso. In Paradiso i santi si sentono soddisfatti, la loro gioia è piena perché sono eternamente davanti a Dio. Questa gioia hanno provato, secondo i loro racconti, i veggenti di Medjugorie, Vicka e Jakov, che hanno testimoniato di essere stati portati in Paradiso dalla Madonna un pomeriggio, verso le 15.20, nel lontano luglio del 1982. All’epoca lei era sedicenne, lui, invece, undicenne.

Attestano: «Fummo subito in Paradiso. Siamo entrati attraverso una porta. La Madonna l’ha aperta e san Pietro ci aspettava. Non è molto alto, ma è robusto, ha la barba e tiene una chiave con sé». Uno spazio immenso, un grandissimo prato, tanta luce e un’immensa felicità che risplende sul volto lieto di persone che indossavano abiti rossi, gialli e grigi. C’erano angeli come bambini. Almeno quelli che hanno visto loro. «Angeli bambini con le alucce e delle tuniche corte a differenza degli altri». Tutti camminavano, cantavano, pregavano felici. Jakov e Vicka raccontano di essersi sentiti come a casa loro, provavano una gioia immensa nel cuore, forse ancora più forte di quella che percepivano quando vedevano la Madonna. Le parole non bastano a Vicka e a Jakov. A distanza di anni, quando ne parlano, il loro sguardo, la voce, la loro gestualità trasmettono una pace e una gioia uniche. Chi li ascolta (io ne sono testimone) ha la certezza che stanno raccontando un’esperienza davvero vissuta. Dopo aver mostrato loro il Paradiso, la Madonna li porta anche in Purgatorio e all’Inferno. «Nell’Inferno ogni margine esterno è lambito dal fuoco. Prima di tutto abbiamo visto un grande fuoco, racconta ancora a mezza voce Jakov, faceva caldo: le fiamme si spingevano vicino a loro. Poi abbiamo visto tutta quella gente che vi entrava dentro. Erano persone normali, si inserisce Vicka, alcune di straordinaria bellezza, che una volta precipitate nel fuoco ne fuoriuscivano come animali orribili e sconosciuti, con le corna anche, e la coda. Quante bestemmie, quante urla, e che grida intorno: qui nessuno chiede, perché  nessuno vuole preghiere. Jakov ha avuto paura e quasi non ha guardato… Dell’Inferno non parla mai volentieri. Ma la Madonna ha voluto che anche questa volta prestasse attenzione alla sua spiegazione: «Chi si trova nell’Inferno ha scelto di venirci di sua volontà. Sono persone che sulla terra sono deliberatamente andate contro Dio. Lì è già iniziato il loro Inferno» […]. Commenta Vicka: «La Madonna ha voluto rassicurarci: nell’Inferno ci va proprio chi fino alla fine, senza mai un ripensamento, spende la vita in avversione a Dio, suo Padre»» (Caniato). Dopo circa venti minuti sono di ritorno a casa. Intanto la mamma di Jakov, Jaka, che non li ha più visti in casa e che ha per loro preparato la merenda, li cerca ovunque, anche a casa di Vicka, ma non li trova. Quando ritorna a casa sua, ritrova il bimbo in casa che le racconta di essere stato in Cielo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

19 Commenti

  1. Madda scrive:

    Io lo sto leggendo, un paio di paginette tutte le sere, è di grande compagnia e conforto. Lo consiglio a tutti quelli che vogliono approfondire la propria amicizia con la Madre di Dio.

  2. Shiva101 scrive:

    ” san Pietro ci aspettava. Non è molto alto, ma è robusto, ha la barba e tiene una chiave con sé”

    La chiave?? del cancello ?…. o__0!!!
    Dovreste spiegarlo ad un miliardo di musulmani che c’e’ Pietro, abbastanza robusto davanti al portone….

    Che pena vedervi ridotti cosi.

    • Paolo2 scrive:

      Shiva, scommetto che ti piacerebbe saperne di più.
      Anzi scommetto che ti stai domandando: “ma quelle fiamme bruciano x davvero…….no perchè da quando ho letto che l’Inferno inizia già qui ho cominciato a sentire il cu.. che scotta”.
      Però non hai il coraggio di ammeterlo

      • VivalItalia scrive:

        Shivetto la rifatta nel letto.. la rifatta per fare un dispetto, per fare un dispetto a mamma e papà! Paa pa pa paaa!

        • Shiva101 scrive:

          Normalmente gente cosi, come questi veggneti, sta in galera, violano perfino parte delle regole della stessa Chiesa che infatti se ne guarda bene dall’accostarsi a truffe cosi eclatanti, almeno finche lo riterra sconveniente…
          L’abuso della credulità popolare in Italia è (formalmente) un reato.

          • Paolo2 scrive:

            Ai tempi di Tito un povero frate in galera per questa storia c’è finito davvero.
            Ora, scusa nè, non ricordo bene chi fosse Tito e che dottrina professasse……magari era amico tuo.
            Comunque ti racconto un aneddoto.
            In galera c’era una guardia che quanto a incredulità e mangiapreti uno come te se lo beveva a colazione. Ha visto cose per le quali si è convertito.
            Ma che te lo dico a fà……??

    • mike scrive:

      su altre cose la pensiamo diversamente ma quasi sottoscrivo quanto dici (eccetto sul miliardo di musulmani poiché i cattolici sono altrettanti, e anche più considerando gli ortodossi). tra l’altro stanno succedendo fenomeni naturali incredibili in varie zone del mondo, anche dove non dovrebbero accadere come dubai e l’arabia per terremoti e pioggia/neve e come nord europa per terremoti. e i veggenti bosniaci tacciono. più precisamente, si verificano cose di vario tipo che sono le stesse descritte da cristo sulla fine dei tempi che viene allora da chiedersi se siamo vicini alla fine. e i veggenti bosniaci tacciono. fine dei tempi a parte, che forse è solo una pura immaginazione, dico che mons. Gemma aveva ragione. più passa tempo più me ne convinco.

      • Paolo2 scrive:

        Giusto, i veggenti non sono credibili non xchè non parlano a vanvera su desiderio di Mike, ma xchè tacciono. Shiva, Mike siete proprio le 2 facce della stessa medaglia; è “possibile” solo ciò che già so. Nonostante tutto xrò mi è + simpatica l’ingenua saccenza di Shiva che la morbosa curiosità di Mike

        • mike scrive:

          a me invece talvolta risultano più simpatici gli atei che i “cattolici” che sono lieti di andare verso altri lidi “presunti” cattolici. è che il cristianesimo rischia di essere messo fuorilegge a livello mondiale, anche perché in africa ed asia già lo è. inoltre dopo 33 anni la chiesa non si è ancora pronunciata poiché le “apparizioni” non sono terminate, ma in realtà si. con mons. gemma, i due vescovi succedutisi a mostar dal 1981 e papa francesco (la battuta sulla madonna che non è un postino, ed ogni riferimento qui non è puramente casuale).
          là succedono cose strabilianti? anche io le ho viste, come ad esempio due soli che uno girava attorno all’altro… embè? nel vangelo si parla di falsi cristi e falsi profeti che faranno grandi segni per confondere. con l’aiuto di chi secondo te? di Dio no di certo.
          Paolo2 scusa ma a me pare troppo edulcorata la faccenda… che puzza di zolfo.

  3. Paolo2 scrive:

    Scusa Mike ma della tua risposta non ho capito quasi nulla (Chiesa fuori legge..???). Comunque cosa vuoi che ti dica; anch’io sono stato a Medjugorie, NON HO visto il sole girare ne altri fenomeni simili. Ma ho visto persone, opere e vita che mi hanno reso molto propenso a credere alle loro testimonianze.

    • mike scrive:

      Medjugorje è forse, dopo il vaticano, il luogo cristiano più visitato al mondo. ma negli ultimi anni nei paesi cristiani vengono legalizzate cose contrarie alla fede cristiana (aborto eutanasia aborto post parto/infanticidio selvaggi; poligamia in olanda, dove un caso farà da apripista come la sentenza bosman nel calcio; nozze ed azioni gay; con la pedofilia hanno iniziato). i moltissimi fedeli che vanno in bosnia dove stavano? posso pensare che in fondo condividano, e che abbiano agito a favore di quelle cose. e cioè che Medjugorje per loro sia una speranza che la fede cristiana sia da rivedere. come se la madonna dovesse completare la rivelazione, terminata però con Gesù Cristo. mia è l’impressione che in bosnia si tenti di fare una nuova chiesa che nelle idee è identica al mondo ateo attuale. per far capire, i segni sulla fine dei tempi sono stati ben precisati da Gesù. i 10 segreti pare parlino di quello ma forse no, infatti tutto è misterioso. magari i segni descritti da Cristo stanno già avvenendo ma molti non lo vedono e pure credono che il mondo durerà e che il mondo nuovo sia in realtà solo su questa terra, e con idee/pratiche pagane/atee. pare una tattica diabolica per non far pensare a molti in che abisso sono caduti, facendo pur pensare che in fondo così va bene e che quindi Dio in fondo non disapprova.

    • mike scrive:

      un commento è in moderazione e, nell’attesa e speranza che passi, dico questo: non so dire se il mondo finisce a breve o a lungo ma credo che quando finirà per molti che vanno a Medjugorje varrà l’espressione di Cristo “il figlio dell’uomo verrà nell’ora che non pensate”. e pure ” ma il figlio dell’uomo quando verrà troverà la fede sulla terra?”. questo commento si integra bene con l’altro. magari passassero entrambi!

      • Paolo2 scrive:

        Mike, le tue ossessioni apocalittiche hanno ben poco a che fare con Medjugorie. E poi,comunque la si pensi, se c’è un posto dove un minimo di onestà intellettuale costringe a riconoscere in moltissime persone una grande e vera fede, beh quello è sicuramente Medjugorie.

        • mike scrive:

          di persone che vanno là ne ho conosciute, alcune ci sono andate con me anni fa. e francamente col tempo avvertito molta ipocrisia, cioè si dice A ma si fa -A (qui certezza assoluta no, ma come dice agatha cristie 3 indizi fanno una prova, e di indizi ne ho di più). sopra parli di opere e vita, ma non basta fare beneficenza o assistere gli ammalati se poi su altre cose si è contro il vangelo.

    • Shiva101 scrive:

      hai “visto persone, opere e vita” che ti hanno suggestionato.

      Del resto lo scopo è quello:
      esaltare l’emotività in modo che tutto sembri vero..
      è lo stesso motivo per cui la chiesa ha speso miliardi per commissionare le opere d’arte.

      In pratica sei un credulone.

      Grazie a te quei veggenti, in particolare marija pavlovic, hanno svoltato diventando ricchi e tutta la zona ora ha un economia basata sulla Madonna e suoi segreti.
      Se quelli di fatima erano tre, questi sono dieci!!

      Non date il potere a questi insulsi imbroglioni, anzi siete complici perche inducete gli altri a fregarvi.

      Ve lo sconsilgia perfino il Vangelo.

      • Paolo2 scrive:

        Shiva, ma guarda che fai davvero tenerezza, povero ciccio.
        Ma la boiata delle opere d’arte nate semplicemente dalla cinica e secolare pianificazione-marketing della Chiesa da dove l’hai presa, dal “manuale del piccolo ateo”?
        Ma neanche campioni di mistificazione come Dan Brown o il peggior giornalista anticlericale di Repubblica ardirebbero tanto.
        Te lo dico per il tuo bene, così finisci per farti ridere dietro anche dai tuoi compagni di merende; vola un po più basso, usa luoghi comuni un po più alla tua portata.
        Per il resto a uno che ripete con comica sicumera scempiaggini del genere (da chiunque le abbia imparate) e ha il coraggio di accusare gli altri di “creduloneria” e “suggestionabilità” non posso che constatare la mancanza del senso del ridicolo

  4. vito scrive:

    Chi non è contro di noi è per noi. Cosi parla Gesù nel vangelo.
    E se fossi ateo o mussulmano o do qualsiasi altra religione, solamente leggendo i messaggi di Maria che da ogni mese non vedo nulla di così scandaloso che possa nuocere a qualcuno. È di fatti chiunque torna da Madjugorje non ha mai espresso qualcosa di negativo. Parlano tutti che è un luogo speciale dove davvero si avverte la vera pace.
    Facciamo attenzione a giudicare la religione cattolica o cristiana perche alla fine si va a vedere la pagliuzza nell’occhio del proprio fratello, quando poi nel proprio occhio si ha una trave. Quindi come dice Gesù togli prima la trave dal tuo occhio e poi forse potrai permetterti di giudicare il tuo fratello.
    Le assurdità che commettono le altre religioni sono tantissime e non sempre portano al bene del proprio prossimo.
    E poi la religione cattolica è lunica al mondo che non gli viene imposta alle altre religioni. Molte religioni invece impongono il loro credo in modi ben noti al mondo purché domini.
    Invece la religione cattolica ti invita a comprendere e poi a fare la tua scelta. Ti dice: io ti faccio conoscere il vero bene la vera vita e da dove essa scaturisce. Se tu ne riconosci il vero bene allora l’accetti. Altrimenti la scelta rimane a te per cercarti la tua via per la pace.
    Ma la Madonna a medjugorje ci mette in guardia e ci avvisa che la pace non vine dagli uomini ma solo da Dio. E quindi se è la Madonna a parlarci abbiamo compreso di che Dio si parla.
    Del Dio unico in tre persone uguali e distinte. Dio nostro Padre, suo Figlio che è il Nostro Signore Gesù Cristo che è Dio, e lo Spirito Santo che anchesso è Dio.

  5. L’ho letto e l’ho anche regalato.
    Un bel libro scritto da una persona che
    -lo dico con stima ed ammirazione-
    è egli stesso, in qualche modo, uno dei “frutti” di Medjugorje.

  6. Chris scrive:

    e poi i fulminati sono quelli che vanno ad Amsterdam BUHAHAHAHAHAHAHAHA

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana