Google+

La calma gioia della signora L

giugno 16, 2013 Marina Corradi

Da un po’ di tempo alla signora L., impiegata in una multinazionale, un lavoro opaco cui andava ogni mattina pensando quanto sarebbe stato bello, invece, essere ricca e non averne bisogno, accadeva una cosa singolare. Si svegliava la mattina nel suo letto e invece di guardare alla giornata con tedio, o ansia, come le altre mattine, le succedeva di considerare con una punta di meraviglia il fatto di avere una casa, e quella camera con un raggio di sole che alle sette e quindici minuti, in giugno, penetrava con siderale precisione dalla finestra e si allargava, dorato, sul suo cuscino. Insomma si rallegrava di avere una casa, sua, e in pace; cosa che mai le era accaduta prima.

Poi la signora L. si alzava e andava in cucina ad accendere il fuoco sotto alla caffettiera. E si accorgeva che le era caro il gorgoglio del caffè che sale, e l’aroma acre e bollente che lento si disperde sopra alla tazzina.

Alle otto e venti la signora L. andava al lavoro. Aveva sempre considerato con uggia il viaggio in metropolitana di ogni mattina. Da qualche tempo invece provava una strana contentezza solo per il fatto di essere anche lei dentro a quella folla di uomini e donne che ogni mattina si tuffa giù per le scale del metrò, in fretta, verso una nuova giornata. Si compiaceva, in quei passi veloci, d’essere insieme a tanti, e di lavorare, ed esser viva.

L’ingresso in ufficio per la signora L. era stato fino ad allora il momento del vertice del tedio: la macchinetta che timbra con il suo sordo e monotono “ding”, gli ascensori che non arrivano mai, e la sua scrivania costantemente semisepolta di pratiche ingiallite. Ma, ed ecco la cosa strana, ora tutto questo non le pareva più così grigio; invece era stranamente lieta di avere un lavoro, e una sedia, e un posto dove la aspettavano.

Considerava fra sé con stupore questa metamorfosi. Accadeva forse perché in tempi di crisi ci si scopre grati di avere un qualunque lavoro? O perché alla lontana per lei si avvicinava la pensione, e sospettava che non sarebbe stata poi così contenta, il giorno in cui non fosse più scesa di corsa alle otto e venti per le scale del metrò? Ma non c’era, in quel suo sguardo nuovo, malinconia; solo come una nuova profondità e consapevolezza. «Cosa mi starà succedendo?», si domandava all’ora di pranzo, annusando il profumo dei gelsomini dalle siepi, per strada; e guardando le nuvole, quel giorno candide, enigmatiche nel cielo di Milano. Le girava in testa una frase letta in un libro di un gesuita del Seicento, Jean-Pierre De Caussade: «Ogni momento porta con sé un dovere da adempiere con fedeltà». Ecco, la fedeltà all’istante, al qui e ora: che strana calma gioia le dava. E non capendo cosa fosse quella metamorfosi, ci si adagiò comunque dentro; lieta, adesso, del fischiare del merlo, dal tiglio magro del cortile.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. leo aletti scrive:

    E’ quello che capita anche a me.

  2. Gio Sol scrive:

    Tanto bello che non si può non desiderarlo. Ma come può bastare un precetto doveristico di uno sconosciuto di 4 secoli fa a generare una simile coscienza lieta?! Purtroppo, non mi è assolutamente sufficiente…

  3. Gio Sol scrive:

    Tanto bello che non si può non desiderarlo. Ma come può bastare un precetto di uno sconosciuto di 4 secoli fa a generare una simile coscienza lieta?! Purtroppo, non mi è assolutamente sufficiente…

  4. Gio Sol scrive:

    Bello e desiderabile. Ma come può il precetto di uno sconosciuto di 4 secoli fa generare una simile coscienza lieta?! Non basta

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un trapianto di cuore in piena regola. In Jaguar, da piccoli, devono aver giocato con “L’allegro chirurgo”, dato che il V8 5.0 sovralimentato della F-Type R trova posto sotto il cofano della berlina di medie dimensioni XE, entry level – si fa per dire – della gamma di Coventry. Un’operazione che porta alla nascita della […]

L'articolo Jaguar XE SV Project 8: nessuna come lei proviene da RED Live.

Prendi la moto più venduta da anni. Provata e riprovata in tutte le condizioni. Cosa si può raccontare ancora di lei? Parto con queste convinzioni per l’ennesimo test della ennesima R 1200 GS (le ho provate tutte le GS dalla 1100 a oggi). È la Rallye che ho già provato poco tempo fa in un […]

L'articolo Alla GS Academy con BMW R 1200 GS Rallye assetto sport proviene da RED Live.

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana