Google+

Le inconfondibili nature morte di Mattioli

febbraio 6, 2012 Mariapia Bruno

Figura visionaria e inclassificabile nelle avanguardie del suo tempo, Carlo Mattioli (1911-1994) è il protagonista di una mostra che, a un anno dal suo primo centenario di nascita, lo porta in primo piano e lo affianca a un altro grande artista del XX secolo, Giorgio Morandi. Il Museo Morandi di Bologna è infatti la sede della retrospettiva “Carlo Mattioli al Museo Morandi” che dal prossimo 10 febbraio e fino al 6 maggio 2012 presenta le opere dell’uno accanto alla collezione dell’altro in un crescendo di rimandi e dettagli simbolici. Modenese di nascita, Mattioli ha guardato con molta ammirazione alle opere di Giorgio Morandi. A lui ha dedicato ben cinque ritratti e una delle prime esposizioni a Parma, città che lo accolse per tutta la sua vita.


È la natura ad accomunare le creazioni di questi due artisti, la natura frammentata, scardinata dal suo universo e mutata in pura forma. Mattioli la incontra per la prima volta negli anni Trenta, agli esordi della sua carriera, quando produce le prime nature morte con fiori e oggetti comuni, già dalle dimensioni molto poetiche, per poi risposarla nel suo periodo più maturo. Ma questa volta il linguaggio in cui la rende è diverso, stravolto dal fervore astrattista degli anni post Seconda guerra mondiale e dall’influenza dell’Espressionismo americano. Qui le nature morte non sono altro che ciotole e barattoli, definiti da impasti densi, grumosi e da colori cupi, nero, grigio, ocra e bianco sporco, che a volte si accostano tono su tono, mentre altre si distaccano in decisi contrasti. Un maestro inimitabile a cui dare il benvenuto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.