Google+

«L’ateismo senza l’esigenza del pensiero»

luglio 12, 2016 Redazione

Catherine-Chalier

«Forse dovrei chiamarlo l’ateismo senza l’esigenza del pensiero». Così la filosofa Catherine Chalier, allieva di Emmanuel Levinas, definisce gli atei del mondo contemporaneo in un’intervista ad Avvenire in occasione dell’uscita del suo ultimo libro: Il desiderio di conversione. Rosenzweig. Bergson, Weil, Merton, Hillesum (Giuntina).

Si spiega meglio Chalier:

«Molte persone si dicono atei, ma sembrano ignorare di quale Dio sono atei. Spesso si fanno un’immagine di Dio, consolatore e potente, per esempio, e quando non trovano né consolazione né potenza visibile di questo Dio nel mondo, allora si dicono atei. Ma il loro ateismo vale solo per l’immagine che si sono fatti di Dio. Spesso l’assenza visibile di Dio è vissuta come l’inizio positivo per celebrare il proprio modo di vivere lontano da lui. Non vi è nessuna lacerazione spirituale in questo ateismo».

Poi rifila una stoccata all’ateo Michel Onfray:

«Dirsi atei è un’affermazione che dovrebbe sapersi misurare con esigenze difficili. Per citare Michel Onfray, egli compie un ritratto caricaturale delle teologie di cui parla, e poi per lui è facile mostrare che non vuole credere a questa caricatura! Egli per esempio dice che ha “letto” il Talmud, cosa che è semplicemente ridicola, perché il Talmud non lo si legge, lo si studia, con gli altri, e questo per tutta la vita! Che voglia essere ateo, perché no? Ma che faccia la caricatura della fede e pretenda di conoscere quello che non conosce, questo mi indigna».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Aléudin scrive:

    Considerazione sacrosanta, spesso quando parlo di teologia con “atei” spesso viene fuori che sono anche io ateo del dio che hanno in testa e ci mancherebbe altro visto i mostri che descrivono.

  2. paolo scrive:

    Anche se la gente pensasse che il Paradiso fosse solo una favola affascinante, almeno ne sarebbero attratti, cosa che farebbe anche da trampolino per qualche pensiero ulteriore, non esclusa la fede. Ma se si trattasse di parlarne in modo sciatto, poco cambierebbe il fatto che il Paradiso consistesse in una verità o una bugia sciatte.
    La grossolanità, non il dubbio, è il nemico più temibile della fede, come del resto l’indifferenza, non l’odio, lo è per la carità.
    L’uomo moderno è fondamentalmente un annoiato, un cinico, indifferente e scoppiato.
    Quando, fra non molto (mio personal feeling) si apriranno i cieli, molti semplicemente esprimeranno un sorriso di circostanza, col dire: Begli effetti speciali, ma la trama è piuttosto datata.
    Se non fossimo così vuoti e demotivati, non dovremmo stimolare così di frequente i nostri recettori con dosi sempre più crescenti di sostanze, sesso e violenza o semplicemente di affari.
    Le occasioni di stupore non mancano: nascite, morti, luci, tenebre, amore, vento, mare, fuoco, aurora, stelle, alberi, uccelli, intelligenze, Dio e il Cielo.
    Ma il problema non è che sono cambiate queste cose, siamo cambiati noi. L’universo non si è vuotato, si è vuotata l’anima dell’uomo occidentale.
    Ma le ossa inaridite di Ezechiele possono sempre rianimarsi per virtù dello Spirito, alleluia!

    • paola scrive:

      Verissimo, Paolo, e facilmente verificabile incontrando la gente e anche leggendo giornali e altro.
      Il vuoto si tocca e bisogna stare all’erta che non ci si attacchi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana