Google+

La potenza del ritaglio nei collage di Beppe Devalle

maggio 28, 2012 Mariapia Bruno

Parallelamente alla mostra Tecnica Mista che spiega – tra il serio e l’ironico – l’arte contemporanea a neofiti e non, il Museo del Novecento di Milano ospita un’altra retrospettiva che invita il visitatore a prendere confidenza con una tecnica artistica che ha visto il suo boom negli anni Sessanta del secolo scorso: il collage. Protagonisti dell’evento intitolato Beppe Devalle. Collages degli anni Sessanta visibile fino al 7 ottobre, gli “incollaggi” realizzati dal torinese Beppe Devalle tra il 1963 e il 1966, periodo in cui il suddetto artista – già abbastanza noto – abbandona una pittura dai forti riferimenti Kleeliani per dedicarsi al ritaglio di magazines americani e di vecchie riviste di moda. Quella che a prima vista è sembrata una scelta azzardata, in realtà ha condotto lo sperimentatore verso una nuova scoperta.

Mettendo, infatti, alla prova nuove regole di montaggio – la griglia immaginaria entro cui posiziona i contenuti – l’artista impara a potenziare la tensione tra i margini del ritaglio, i profili degli oggetti selezionati dentro il ritaglio (le nuove icone della modernità come le belle auto, le protagoniste dello “chic” internazionale come Audrey Hepburn), e il profilo del nuovo oggetto che da questi accostamenti viene fuori. Una volta presa confidenza con questo nuovo approccio/metodo creativo, Devalle capì che questi accostamenti fotografici – tra cui spiccano Insalata Firestone del 1963 e Speed del 1964 – potevano costituire una sorta di modernissimo trattato di armonia per la pittura. Ecco da dove sono nati i quadri da lui esposti alla Biennale del 1966.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana