Google+

La potenza del ritaglio nei collage di Beppe Devalle

maggio 28, 2012 Mariapia Bruno

Parallelamente alla mostra Tecnica Mista che spiega – tra il serio e l’ironico – l’arte contemporanea a neofiti e non, il Museo del Novecento di Milano ospita un’altra retrospettiva che invita il visitatore a prendere confidenza con una tecnica artistica che ha visto il suo boom negli anni Sessanta del secolo scorso: il collage. Protagonisti dell’evento intitolato Beppe Devalle. Collages degli anni Sessanta visibile fino al 7 ottobre, gli “incollaggi” realizzati dal torinese Beppe Devalle tra il 1963 e il 1966, periodo in cui il suddetto artista – già abbastanza noto – abbandona una pittura dai forti riferimenti Kleeliani per dedicarsi al ritaglio di magazines americani e di vecchie riviste di moda. Quella che a prima vista è sembrata una scelta azzardata, in realtà ha condotto lo sperimentatore verso una nuova scoperta.

Mettendo, infatti, alla prova nuove regole di montaggio – la griglia immaginaria entro cui posiziona i contenuti – l’artista impara a potenziare la tensione tra i margini del ritaglio, i profili degli oggetti selezionati dentro il ritaglio (le nuove icone della modernità come le belle auto, le protagoniste dello “chic” internazionale come Audrey Hepburn), e il profilo del nuovo oggetto che da questi accostamenti viene fuori. Una volta presa confidenza con questo nuovo approccio/metodo creativo, Devalle capì che questi accostamenti fotografici – tra cui spiccano Insalata Firestone del 1963 e Speed del 1964 – potevano costituire una sorta di modernissimo trattato di armonia per la pittura. Ecco da dove sono nati i quadri da lui esposti alla Biennale del 1966.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana