Google+

Her, «attivista per caso» che ha fatto scappare Chen, a tempi.it: «Alla Cina non servono eroi»

maggio 14, 2012 Leone Grotti

Senza di lei, Chen Guangcheng non sarebbe mai riuscito a scappare dal villaggio di Donshigu, dove il regime comunista cinese lo teneva segregato in casa da 19 mesi. È stata lei a portarlo in macchina da Linyi fino a Pechino, dove il dissidente cieco si è poi rifugiato all’ambasciata. La fuga di Chen è cominciata così, con una email arrivata all’attivista Her Peirong: «L’uccellino è scappato, cosa facciamo adesso?». Lei non ci ha pensato su due volte, è salita in macchina e si è diretta verso Linyi. «Potete immaginare che sorpresa quando mi è arrivato il messaggio» dichiara Her a tempi.it, «non riuscivo a crederci». Her, molto conosciuta su Twitter con il nickname @Pearlher, è un’insegnante di inglese di 40 anni e proprio come Chen è «un’attivista per caso». La polizia l’ha tenuta agli arresti domiciliari per una settimana dopo che Chen si è recato all’ospedale di Chaoyang. Per qualche giorno, «vista la mia condizione», ha scelto di non rispondere alle domande di nessun giornalista. Poi la situazione è migliorata e ha scelto di parlare a tempi.it.

Quando hai cominciato a batterti per la liberazione di Chen?
Il 10 gennaio 2011 ho deciso di recarmi da sola al villaggio di Donshigu per fargli visita. Sono stata la prima a provare a visitarlo dopo il suo rilascio (dal carcere, dove ha passato quattro anni e tre mesi per «intralcio del traffico», ndr). Dal 30 maggio al 10 giugno sono tornata. Dopo ho cominciato una campagna per la sua liberazione. Ho semplicemente cercato di rendere il suo caso conosciuto a tutti. Nell’ultimo anno ho realizzato dei filmati insieme all’attivista Guo Yushan, ho invitato centinaia di persone ad andare a trovare Chen e insieme a Rou tangseng e Qianmao ho inventato gli adesivi per auto “Freecgc”, “Chen Guangcheng libero”.

Anche a lei, come a chiunque altro, la polizia ha impedito di entrare in casa di Chen durante le sue visite. Perché proprio lei è stata avvisata per prima quando Chen è scappato?
È vero, io non ho mai visto Chen prima della sua fuga, quando l’ho tirato su in macchina e l’ho portato a Pechino. Ma i suoi amici e i suoi parenti si fidano di me.

Perché ha deciso di lottare e aiutare Chen?
Chen si è sempre battuto per aiutare gli altri, si fida dei suoi amici e loro si fidano di lui. Non potevo lasciare sola una persona come lui nel momento del bisogno.

Come ti sei sentita quando ti è arrivato il messaggio sul telefonino che Chen era scappato?
Non riuscivo a crederci, è stato un’enorme sorpresa.

Come hai fatto a trovare Chen, quando sei andata in macchina fino a Linyi. Avevate un punto di incontro?
No, lui sapeva che sarei arrivata a prenderlo subito fuori da Linyi. Ma niente di più.

Chen è cieco, come ha fatto a riconoscere la tua auto?
Quando l’ho fatto salire mi ha solo chiesto se ero io, Pearl. E mi ha ringraziato.

Lei è un’insegnante di inglese. Si considera una “attivista”. Che cosa significa essere degli “attivisti” nella Cina di oggi?
“Attivista” è un termine molto pericoloso in Cina, io mi definirei una “attivista per caso”. Proprio come Chen. La sua storia è leggendaria perché non è un eroe ma una persona normale e non so se il suo viaggio negli Stati Uniti sarà l’inizio o la fine di una saga.

Battendovi per Chen Guangcheng vi siete battuti perché il cambiamento della Cina. È un obiettivo possibile?
Credo di sì, se sempre più cinesi diventano consapevoli dei loro diritti. La Cina può diventare una democrazia, è un trend che non si può fermare ma dobbiamo avere molta pazienza. La campagna “Freecgc” dimostra che sempre più cinesi, ricchi e appartenenti alla classe media, sono disposti a prestare attenzione al rispetto dei diritti civili e a battersi per la giustizia in Cina.

La fuga di Chen aiuterà la Cina in questo processo?
Credo di sì. Speriamo che le autorità cambino il modo crudele di reprimere i dissidenti. La gente sarà incoraggiata dalla storia di Chen. Se è riuscito a scappare, essendo cieco, dal suo villaggio niente è impossibile. Grazie a lui sempre più gente sarà disposta a lottare per i propri diritti.

Hai mai avuto problemi con la polizia?
Quando sono andata a Donshigu a trovare Chen degli uomini mi hanno rapita, picchiata e derubata. Ma nessun funzionario della polizia mi ha mai toccata. Mi hanno sempre trattata in modo gentile.

Il Partito comunista lascerà andare negli Stati Uniti Chen e la sua famiglia?
Credo che se Chen vuole così, riuscirà a lasciare il paese. Non voglio però parlare di quello che la Cina perde con l’addio di Chen. Se la Cina cambierà, dipenderà dalla capacità delle persone normali di alzare in piedi e gridare forte per i loro diritti e la loro libertà. Non ci servono eroi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download