Google+

Gesù ci ha chiamati amici. E gli amici bisogna frequentarli

maggio 29, 2015 Pippo Corigliano

ultima-cena-notre-dame-parigi-shutterstock_13630999

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Per diventare amici bisogna frequentarsi. Per i coniugi è la stessa cosa. Quando vedo per strada due anziani che si tengono sottobraccio, un po’ traballanti, penso: non “santi subito!”, sono già santi. Hanno attraversato insieme mille difficoltà: fra loro, con i figli, per il lavoro, le disavventure della vita, e, alla fine… hanno saputo amare. Perciò sono già santi.

Con gli amici succede alle volte che la vita li separi in luoghi diversi ma ci sono alle spalle tante ore passate insieme. Si è riso tanto, si son fatte anche delle birichinate, studio insieme, situazioni tristi e allegre. Poi quando ci si sente è come essersi lasciati cinque minuti prima… La consuetudine e il ricordo sono radicati. Così è per Dio.

Gesù a un certo punto dice: «Vi ho chiamati amici» (Gv 15,15). Fra la creatura e il Creatore c’è un abisso di differenza; ciò non ostante la seconda persona della Trinità ci chiama amici. Come può radicarsi quest’amicizia quando si frequenta Dio solo con la Messa domenicale, nel migliore dei casi? Non è assurdo? Ci contentiamo del catechismo appreso (bene o male) da bambini, inadeguato per gli adulti. Devo coltivare l’amicizia con Gesù, rivedere la sua vita continuamente leggendo il Vangelo.

Tutti i santi hanno dedicato tempo alla preghiera mentre io passo ore a vedere la Juventus o il Milan e mi sembra troppo la Messa tutti i giorni. Mi conviene leggere libri che mi edifichino spiritualmente, e così via. Il grande problema della Chiesa è l’inadeguatezza dei comuni cristiani.

Foto Ultima Cena (Notre-Dame, Parigi) da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana