Google+

Fumetto – Zerocalcare e la guerra a fumetti

ottobre 14, 2016 Amedeo Badini

cover-kobane-callingLa politica estera è un argomento complesso da descrivere e da spiegare nelle sue molteplici sfaccettature. Ma raccontare di conflitti lontani tra complesse faide e spaccature interne a comunità di milioni di persone, facenti parte di un complesso sociale distante da quello tradizionale occidentale, utilizzando solo fumetti, vignette e un pizzico di romanesco e di azzeccate battute, è ancora più difficile. Eppure, Zerocalcare con il suo Kobane Calling è riuscito nell’impresa di parlare di ISIS e guerra in Siria focalizzandosi sui curdi e sulla loro lenta, ma incisiva, opera di ricostruzione e di fondazione democratica, uno sviluppo silenzioso e sempre stato sottotraccia, travolto, mediaticamente e non solo, dalla voce grossa di Erdogan, i neri califfi e i fondi sauditi.

Dell’autore romano avevamo già parlato, non proprio bene, in quest’occasione, ma avevamo molto apprezzato il suo primo, intenso reportage uscito per l’Internazionale. Partendo da quel primo episodio, aggiungendone un altro sempre per l’edicola, e scrivendo e disegnando 200 nuove tavole, Zerocalcare firma Kobane Calling, un poderoso cartonato edito da Bao Publishing. Col suo tipico modus narrativo – brevi capitoletti che girano attorno ad una problematica ben precisa – l’autore ci porta per mano in una brutta e sporca guerra, come tutte d’altronde. Qui però emerge con forza il contrasto, non solo per la brutale contemporaneità degli eventi, ma anche per il tenero e dolce realismo che Zerocalcare utilizza per raccontare a tutti, dall’analista politico all’uomo della strada, questo complesso conflitto, fatto di donne, uomini e ideali. In particolare, l’autore non ha paura di utilizzare il suo classico tono autobiografico sottolineando la sua totale inadeguatezza di fronte alla portata di eventi storici. Proprio questo realismo portato fin quasi all’esasperazione è la cifra del volume, un rapporto di amicizia tra guerra lontana e pace interiore. Allo zerocalcare_kobane-calling_04bstesso tempo, viene esplicitato quanto questa distanza tra le nostre vite agiate e le pericolose esistenze curde crei un abisso quasi invalicabile per capire la realtà. Abisso che Zero colma abilmente con la sua narrativa agile e il confronto con la sua amata Rebibbia.

Il romanzo è un ottimo esempio di graphic journalism, ovvero di reportage a fumetti, nonostante Zerocalcare non voglia accostarsi a mostri sacri come Joe Sacco e Guy Delisle. In effetti, il suo tocco scanzonato e la sua precisa presa di posizione non permettono di catalogarlo completamente nel genere. Ma l’approccio e l’umanità sono perfette per lo scopo: il lettore scopre che conoscere mondi distanti e complessi è alla portata di tutti, e che la repubblica di Rojava, schiacciata dalle megalomanie dei moderni califfati vicini, è stata capace di creare un avanzato sistema democratico, basato sull’uguaglianza dei sessi e sul rispetto reciproco. Un esempio nuovo e inedito, non solo in Medio Oriente, ma anche per le nostre democrazie occidentali.

Kobane Calling, di Zerocalcare, b/n 272 pagine, 19×26, 20€, in tutte le librerie

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. recarlos79 scrive:

    Sbaglio gigantesco. Zerocalcare con i suoi fumetti e tramite il suo sito diffonde propaganda. Andate i a leggere quante ne ha dette contro il sindaco di Venezia che secondo lui toglie le favole ai bambini.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un trapianto di cuore in piena regola. In Jaguar, da piccoli, devono aver giocato con “L’allegro chirurgo”, dato che il V8 5.0 sovralimentato della F-Type R trova posto sotto il cofano della berlina di medie dimensioni XE, entry level – si fa per dire – della gamma di Coventry. Un’operazione che porta alla nascita della […]

L'articolo Jaguar XE SV Project 8: nessuna come lei proviene da RED Live.

Prendi la moto più venduta da anni. Provata e riprovata in tutte le condizioni. Cosa si può raccontare ancora di lei? Parto con queste convinzioni per l’ennesimo test della ennesima R 1200 GS (le ho provate tutte le GS dalla 1100 a oggi). È la Rallye che ho già provato poco tempo fa in un […]

L'articolo Alla GS Academy con BMW R 1200 GS Rallye assetto sport proviene da RED Live.

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana