Google+

«Avanza l’idea di fare figli senza l’altro sesso. Quale società vogliamo?»

giugno 18, 2014 Redazione

tempi-matrimonio-gay-copertinaIl Foglio oggi in edicola segnala l’intervista della storica e lesbica Marie-Josèphe Bonnet alla rivista francese Caseur. Femminista e fondatrice del Fronte omosessuale di azione rivoluzionaria, la Bonnet ha di recente pubblicato un libro (Adieu les rebelles!) in cui attacca la legge sul matrimonio omosessuale varata dal governo Hollande.
Secondo la studiosa, «il legislatore ha decretato l’uguaglianza tra le coppie e non tra le persone». Essa, basata sulla «indifferenza sessuale», sortisce l’effetto opposto che vorrebbe e non è altro che «un riconoscimento illusorio dell’omosessualità».

NEGARE LA REALTA’. Il ragionamento della Bonnet è interessante. In sostanza, ella spiega che la legge, negando la realtà, cioè il dato biologico nella vita di una famiglia, non fa altro che dare adito a pratiche come l’utero in affitto e la fecondazione in vitro. La genitorialità per tutti è solo «una finzione incaricata di occultare, né più né meno, uno dei genitori biologici del bambino». La storica difende coltello tra i denti («avendo avuto un nonno che non ha mai conosciuto il padre») «l’origine», la «memoria familiare», «l’eredità fisica».
«Dietro al “diritto al figlio” e alla omogenitorialità avanza l’idea di fare figli senza l’altro sesso. Quale società vogliamo? Da una parte ci si batte per la diversità, e dall’altro si rifiuta l’altro sesso in un atto che è l’essenza stessa della perpetuazione della nostra società».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

6 Commenti

  1. Emanuele says:

    Il fronte dell’ipocrisia si sta sfaldando. Fa sinceramente piacere sapere che anche dall’altra sponda non c’è solo follia ideologica.

  2. mike says:

    la bonnet ragiona bene, eccetto alla fine dove non sa dare la risposta. la società che si vuole costruire è una società non cristiana. pagana. se non basta la propaganda all’ideale laico tramite media cinema e musica, tanto c’è il collasso demografico causato anche dall’omosessualità (i due aspetti dell’ideale laico e del collasso demografico sono correlati, infatti l’ideale laico sono pratiche che se fatte per molto tempo portano una cultura a scomparire). la cosa si vede anche dal voler far entrare tutti gli immigrati dall’africa e dar loro la cittadinanza. in fondo, a pensarci, come moriranno le persone più anziane e così a ruota poi si vedrà il frutto di questo laicismo moderno. che è stato solo un modo per farci scomparire e intanto sostituirci coi musulmani. solo che questo va spiegato (parola grossa) a gente come omosessuali femministe fautori di aborto e divorzio ed eutanasia. appunto ci manca solo che ai più anziani dicano “toglietevi di torno per fare posto agli immigrati”. ovvio che non lo dicono, ma lo inculcano. e al nord europa dove su certe cose hanno martellato di più ci sono sempre più musulmani e la gente europea, a parte fare meno figli, come si rompe i coglioni di vivere vuole morire e non ha troppa difficoltà ad ottenerlo. addirittura in belgio/olanda lo raccomandano anche ai bambini che così mai diventano adulti e procreano. proprio l’eutanasia evidenzia lo scopo pratico che il potere laico va ricercando. viene da dire che a noi europei ci hanno rimbambito bene, ci stanno fregando tramite noi stessi, i “nostri” desideri. i musulmani sai che risate si staranno facendo!
    l’islam al di là di tutto è compatibile col laicismo. che è il consumismo a 360 gradi per entrambi i sessi. l’islam è il consumismo a 360 gradi solo per l’uomo. ovvio che in futuro in europa la donna conterà poco. come nel mondo pagano. chi mi fa più ridere in fondo non sono gli omosessuali ma le femministe pro-aborto. poi ridere o piangere?

    • beppe says:

      mike, complimenti per la spietata analisi ( e per la scrittura decisamente migliorata). tra qualche decennio questi maramaldi verranno a bussare alle chiese e ai conventi per salvarsi la pelle, come nel medioevo quando arrivavano i saraceni.

    • Gino says:

      @ mike
      L’omosessualità non c’entra nulla con il collasso demografico. In Iran è vietata eppure l’indice di fecondità è collassato. Stesso discorso per altri paesi come l’Armenia. In Israele i gay hanno moltissimi diritti e gli ebrei fanno 3 figli per donna.

  3. augusto says:

    L’esaltazione esasperata dell “individuo” e dell’individualismo in tutti i campi produce solo disastri !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.