Google+

Caro Epifani, esiste una giustizia molto più giusta della tua legalità di plastica

Epifani ha detto: «Il principio di legalità in uno stato democratico viene prima di qualsiasi valutazione politica».

Il segretario Pd, all’indomani della sentenza di condanna emessa dalla Cassazione  nei confronti di B, mostra i muscoli, ma quelli gonfi, glabri e plasticati dei culturisti da sfilata.

Eppure l’affermazione sembra vera, non contestabile.

Consideriamo il seguente esempio*:

Unallevatrice di bestiame vive accanto a un agricoltore. Questultimo coltiva il grano in alcune parti del suo fondo, lasciandone altre incolte. Lallevatrice fa pascolare il bestiame sul proprio terreno. Il confine tra lallevamento e la fattoria è chiaro, ma non vi è recinzione. Pertanto, accade talvolta che il bestiame sconfini nella proprietà dellagricoltore, danneggiandone il grano. Tale danno potrebbe essere evitato costruendo una recinzione, allevando un minor numero di capi o coltivando minori quantità di grano. Lallevatrice e lagricoltore potrebbero negoziare al fine di decidere chi debba sopportare i costi del danno. Altrimenti interviene il diritto, assegnando la responsabilità per i danni.

… Si potrebbe forse pensare che la giustizia richieda che il danneggiante paghi per i danni causati. Si tratta dellapproccio tipico del giurista… Coase rispose invece in termini di efficienza…

Si supponga che, senza la recinzione, linvasione del bestiame costi allagricoltore 100 lanno in perdita di profitti. Il costo di costruzione e mantenimento di un recinto attorno ai campi di grano è di 50 lanno, mentre il costo di costruzione di una recinzione attorno allallevamento è di 75 lanno. Pertanto assumiamo che il danno di 100 possa essere evitato con una spesa annua di 50 da parte dellagricoltore e di 75 da parte dellallevatrice…

Quindi in termini di diritto toccherà allallevatrice (che causa il danno) costruire il recinto, con un risparmio di 25 (100-75). Se però, in termini di politica, toccasse allagricoltore costruire il recinto si avrebbe un risparmio di 50 (100-50). Allora la soluzione politica è più efficiente della soluzione di diritto.

Quindi lallevatrice potrebbe negoziare con lagricoltore: il diritto mi considera responsabile della costruzione del recinto. Facciamo un accordo. Io ti pago 50 e costruisci tu il recinto. 

Se immaginiamo che i due, agricoltore e allevatrice, siano la “società” il risparmio sociale, cioè il benessere, è maggiore non ricorrendo alla regola di diritto.

La trattativa ultra legem può andare avanti (a favore dell’agricoltore), ma ci fermiamo qui.

Generalizziamo: quando un’attività interferisce con un’altra, il diritto deve decidere se una parte può legittimamente interferire o se una parte abbia il diritto di essere libera da interferenze. L’efficienza richiede l’allocazione del diritto a chi lo valuta di più.

Qual è il valore che il Pd attribuisce alla politica? Poco, se è vero che da più di venti anni si affida supinamente alla Magistratura, che, al contrario, valuta molto il proprio diritto alla politica. Al contrario il Pd, non sapendo più chi difendere dopo la scomparsa della classe operaia, non crede più alla politica se non come esercizio di potere fine a sé stesso, perseguendo un interesse ad personam: Occhetto, Veltroni, D’Alema, Prodi, Bersani, tutti attori di un solo film, diciamo Maciste contro B.

Un metodo poco arguto e redditizio, vista la fine che hanno fatto i summentovati leader.

Farà lo stesso anche Renzi?

Arriviamo alla questione: se la politica mira al bene comune deve essere in grado di capire che le “larghe intese” sono una soluzione più efficiente per raggiungere l’obiettivo, e che dunque la recinzione, cioè una nuova balance of power tra i poteri, occorre sia costruita dall’agricoltore (Pd) dopo una trattativa, peraltro da posizione di forza muscolosa vera, con l’allevatrice (Pdl).

Suggeriamo una cooperazione anche per sistemare il Titolo IV della Costituzione: La Magistratura.

I Padri costituenti erano cooperativi, molto cooperativi.

Conclusioni:

1. I muscoli di Epifani al momento sono steroidei: la sua affermazione è vera solo in apparenza.

2. Più che il culturismo occorre un po’ di cultura politica. Concorda, on. Alfano?

3. Al Presidente Berlusconi ci permettiamo ricordare che il suo ruolo, oggi più che mai, è quello dell’allevatrice.

* Lesempio è tratto da  R. COOTER, U. MATTEI, P.G. MONATERI, R. PARDOLESI, T. ULEN Il mercato delle regole. Analisi economica del diritto civile. Il Mulino

Ps. Avvertiamo gli eventuali lettori estivi che il Teorema di Coase è molto più complesso, ma noi, insegnando alle scuole serali, non ci montiamo la testa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. Michele scrive:

    Quindi W Macchiavelli.
    Delinqui pure se lo scopo è IL potere.
    Che spreco di articolo!

  2. Cisco scrive:

    Come tutte le teorie anche questa ha dei limiti, in particolare nella fattispecie le ipotesi non sono corrette: l’obiettivo non è l’efficienza (concetto per altro unicamente economico e molto vago), ma il potere.

  3. Alcofibras scrive:

    Ma per favore

  4. Alcofibras scrive:

    Il teorema di coase c’entra come i cavoli a merenda: Berlusconi ha commesso un reato (come stabilisce una sentenza passata in giudicato dopo tre gradi di giudizio) e la materia penale è indisponibile, altrimenti chi ammazza e stupra potrebbe evitare il carcere pagando la vittima o i suoi eredi.

    Nell’esempio invece si parla di diritti disponibili: se qualcuno danneggia la mia proprietà posso chiedergli i danni, non fare nulla o trovare un accordo.

    Sarebbe interessante sapere cosa pensa l’autore dell’articolo all’ipotesi di applicare il teorema di coase all’affitto degli uteri. Anche qui la soluzione negoziata raggiunge il massimo del l’utilità sociale: la coppia senza figli ne ottiene uno, la madre surrogata guadagna dei soldi e la società si arricchisce di un nuovo nato. Tutti felici.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana