Google+

Edward Burtynsky – L’uomo e la terra. Luci e ombre

gennaio 27, 2011 Mariapia Bruno

Parla dell’uomo e del pianeta la retrospettiva che il Centro culturale di Milano, dal 26 gennaio, dedica agli scatti del fotografo canadese Edward Burtynsky. Dal titolo “L’uomo e la terra. Luci e ombre”, è la prima personale italiana dedicata a questo artista di fama internazionale le cui opere sono già state esposte in importanti musei e collezioni del mondo come il Guggenheim Museum, la National Gallery of Canada e la Bibliothèque Nationale di Parigi.

Sono scatti “iper”- contemporanei quelli esposti nella sede milanese, immagini che, come dice lo stesso Burtynsky, «credo funzionino come specchio riflettente del nostro tempo, sono intese come metafore della nostra esistenza moderna». Ecco dunque paesaggi in cui la natura sembra a volte lottare, a volte cercare un dialogo con il progresso umano.

Non vengono risparmiate le immagini più forti, quelle che mostrano gli errori che spesso l’uomo commette nella sfrenata corsa verso il progresso. Ma il rapporto con la natura non è mai stato facile e questa mostra con il suo sprezzante tono documentaristico ce lo ricorda, sottolineando anche quanto l’esistenza dell’uomo e della natura siano intrinsecamente legate e inscindibili. Gli scatti di Burtynsky saranno visibili fino al 27 marzo 2011.

Il prossimo 1 febbraio alle 18.30, al Palazzo Stelline di Milano,
sarà possibile incontrare il fotografo, che terrà una conferenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana