Google+

Dossier – Vienna e Berlino, capitali artistiche agli antipodi? Un mito da sfatare

maggio 22, 2014 Mariapia Bruno

1Premesso che non ci sono mai né vincitori, né vinti, alla fine di una guerra, ma soltanto perdite e amarezze miste a quel sospiro di sollievo per chi ce l’ha fatta, le capitali di Vienna e Berlino hanno dovuto tirar le somme della drammatica sconfitta dopo la fine della prima guerra mondiale. E se i parallelismi tra le due città da un punto di vista letterario, di musica e teatro, sono già stati esplorati, meno forti sono stati i nessi indagati nel campo delle arti figurative. Cosa accomuna la fiorente capitale dei secessionisti con la metropoli che per prima subì le restrizioni dei nazisti che sarebbero sfociate poi nella messa al bando di opere d’arte considerata degenerate?

ansicht_wien_berlin_6_730x440.jpegSono artisti come Max Oppenheimer, Oskar Kokoschka, Christian Schand, Otto Dix, Rudolf Schlichter, George Grosz, Albert Paris Gütersloh, Anton Kolig e Rudolf Wacker a darci una risposta. Gran parte di questi protagonisti delle avanguardie dei primi decenni del Novecento (dall’Espressionismo, al Dadaismo, al Cubismo, alla Nuova Oggettività) furono attivi o ebbero rapporti con entrambe le città e trasposero nelle loro tele i gelidi venti del tempo. Interessante la Vienna di Wilhelm Träger, che ricorda la Berlino grottesca di Otto Dix e George Grosz nei tragici anni del primo dopoguerra. Numerosi altri esempi possono essere ammirati presso il museo Belvedere della capitale austriaca, che fino al prossimo 15 giugno ha allestito una mostra apposita, dal titolo Vienna-Berlino. L’arte di due metropoli, che sfata il mito del temperamento agli antipodi delle due città.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download