Google+

Ecco come Dio può fare di me un contemplativo in mezzo al mondo

luglio 8, 2016 Pippo Corigliano

santa-caterina-siena-statua-roma-shutterstock_142196395

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

In Gesù sono presenti la natura divina e la natura umana. Per Gesù essere uomo ha comportato tutti i limiti della condizione umana, meno il peccato: ha patito la fame, la sete, il sonno e l’angoscia della prossima morte in croce e le sofferenze della crocifissione… D’altra parte l’umanità di Gesù era arricchita dalla presenza divina che gli consentiva una costante identificazione con Dio.

Fin qui il Catechismo. Giovanni Paolo II disse che la felicità dell’uomo è l’assimilazione a Gesù ed è giusto che sia così perché solo quando sono messo in Dio ed assomiglio a Gesù la mia umanità si trova nella condizione migliore. Ecco perché i contemplativi sono stati operativi.

Diceva santa Caterina da Siena, grande contemplativa: «Tu mi dici: non vorrei essere assorbito dalle cose mondane e io ti rispondo che siamo noi che le rendiamo mondane perché tutto procede dalla bontà divina». E aggiungeva: «Se ciascuno sapesse usare la grazia di Dio che gli è data, ritrarrebbe guadagno da tutte le cose che continuamente gli accadono».

San Paolo diceva (Gal 2,20): «Non sono più io che vivo, è Cristo che vive in me». Ciò nonostante sentiva i limiti della sua condizione umana tanto da esclamare (Rom 7,24): «Chi mi libererà da questo corpo di morte?».

L’unione con Dio non mi libera dalla tendenza disordinata. Viceversa Gesù m’insegna ad essere mite e umile di cuore e a trattare Dio con un “Abbà”, Papà. Malgrado le mie miserie Dio può fare di me, con santa pazienza, un contemplativo in mezzo al mondo.

Foto statua santa Caterina da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana