Google+

“Credi nei miraggi?”

febbraio 28, 2012 Mariapia Bruno

Do you believe in Mirages?. “Credi nei Miraggi?” è il curioso titolo del progetto, visibile presso l’EX3 Centro per l’Arte Contemporanea di Firenze, che ha fatto vincere a Jacopo Miliani, giovane artista fiorentino trentatreenne, la seconda edizione del Premio EX3 Toscana Contemporanea. L’elezione dell’artista è stata motivata dal fatto che, come afferma L. Pratesi, «Do you believe in Mirages? coniuga in maniera valida la relazione tra l’opera d’arte, intesa nella sua molteplice natura di evento, performance e intervento site-specific, e il contesto socio antropologico nel quale si trova EX3. Un rapporto che l’artista risolve in maniera concettuale ma anche evocativa, attraverso dispositivi e modalità progettuali necessarie per dare vita a due momenti espositivi diversi ma complementari, uniti dalla musica pop italiana ed internazionale che Miliani collega all’idea portante del lavoro. La presenza casuale e non annunciata del danzatore nello spazio esterno al centro espositivo, frequentato abitualmente da persone del posto, è stata considerata come un elemento portante del progetto, in grado di suscitare possibili interazioni, letture ed interpretazioni tra EX3 e il quartiere circostante».


Incaricato di realizzare il percorso espositivo, Miliani definisce un’installazione il risultato di una riflessione sul tema del miraggio e della percezione. «L’idea di miraggio – spiega l’artista – evoca molteplici interpretazioni descrivendo sia fenomeni fisico-percettivi che rinviando a realtà/irrealtà immateriali. Non in ultimo è anche sintomo dell’urgenza sociale contemporanea. L’arte si presenta come miraggio sulla realtà: adotta l’idea di rappresentazione, per poi, attraverso un ulteriore sguardo ravvicinato, rivelare una sensazione di mancanza e urgenza, necessaria per attivare un processo di indagine». È un percorso complesso che partendo dall’idea di mise-en-scène e ricezione si inoltra nello spazio pubblico della piazza sancendo una relazione fruttifera tra il Centro e il suo circondario attraverso azioni performative quotidiane che coinvolgono lo spettatore e rompono quella rigida distinzione tra il ruolo dell’attore e quello di chi osserva. Fino all’8 aprile 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Ray Groote scrive:

    I simply want to mention I am just newbie to blogs and certainly enjoyed your web site. More than likely I’m want to bookmark your website . You definitely come with exceptional articles and reviews. Cheers for sharing with us your website page.

  2. Alanna Roderman scrive:

    My browsing efforts seem total.. thank you.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana