Google+

Come fermare il terrorismo islamico? «Noi abbiamo costruito una scuola»

aprile 22, 2015 Redazione

milizia-cristiani-iraq-curdi-stato-islamico-home

«La mentalità fanatica dell’Isis non è un fenomeno nuovo. È sempre esistita, solo ora è aumentata perché il paese è nel caos». Così ha affermato il vescovo di Erbil, Bashar Warda, in un’intervista a Cna. Il prelato, che ha più volte chiesto un intervento armato per restituire le case ai cristiani cacciati dallo Stato islamico, ha fatto questo esempio per spiegare come l’educazione può permettere all’Iraq di ripartire:

«Nel 2004 la mia parrocchia è stata la prima ad essere colpita da un’autobomba. La gente si chiedeva: “Cosa possiamo fare?”. Alcuni hanno proposto di costruire un muro di cemento. Ma io gli ho detto di no, ho detto che ciò di cui avevamo bisogno era costruire una scuola. Ed è quello che abbiamo fatto. I bambini del quartiere ora vengono nella nostra scuola, che si trova sul terreno della chiesa, e il 90 per cento degli studenti è costituito da musulmani. Noi li educhiamo ad accettare gli altri, al rispetto, all’amore e ad avere una mente aperta. Questo è ciò che manca a loro e questo è quello che i cristiani, soprattutto i cattolici, possono offrire».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Kerry scrive:

    “Noi li educhiamo ad accettare gli altri, al rispetto, all’amore e ad avere una mente aperta.”…in pratica li educano a non essere musulmani…

  2. Sergio scrive:

    Tentare di “addomesticare” l’islam è come tentare di addomesticare una tigre del bengala di 2 quintali e tenerla sul divano di casa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana