Google+

Si avvicina l’anniversario di piazza Tiananmen e la Cina arresta gli attivisti perché «disturbano»

maggio 7, 2014 Leone Grotti

cina-pu-zhiqiang

In Cina è stato arrestato un importante avvocato che si batte per i diritti umani, Pu Zhiqiang, colpevole di «aver causato disturbo» partecipando a un incontro privato a Pechino lo scorso weekend sul massacro di piazza Tiananmen del 4 giugno 1989 (qui l’intervista a tempi.it di uno dei leader studenteschi).

DIRITTI UMANI. Pu (nella foto dell’incontro in prima fila all’estrema destra) è famoso per aver difeso dalle accuse delle autorità comunista nei tribunali il celebre artista Ai Weiwei e gli attivisti del “Movimento dei nuovi cittadini”, che in linea con la politica contro la corruzione voluta dal presidente della Cina Xi Jinping hanno chiesto ai vertici del partito di pubblicare i loro conti in banca. Per questo alcuni dei leader del Movimento sono stati arrestati e condannati a pene detentive in carcere.

«TOGLIERLO DALLA CIRCOLAZIONE». La detenzione di Pu, secondo Human Rights Watch, «ha come scopo quello di toglierlo dalla circolazione durante questo periodo sensibile e di inviare un messaggio a tutti quelli che vogliano commemorare il massacro durante [il 25esimo] anniversario». Insieme all’avvocato, che ha partecipato agli avvenimenti del 1989 e che ha promesso di tornare in piazza Tiananmen ogni anno, altri cinque attivisti sono stati arrestati per aver partecipato al raduno.

«LE RADICI DEL CAOS SOCIALE». All’incontro incriminato hanno preso parte circa 20 persone, tra cui alcune madri delle vittime del 1989. In un messaggio inviato dopo l’incontro al Wall Street Journal, i partecipanti hanno dichiarato che «la selvaggia repressione del 4 giugno ha piantato le radici per il caos sociale che viviamo oggi. (…) Per ricostruire la moralità della società in Cina, dobbiamo scavare a fondo e scoprire quelle radici. (…) Quello che chiediamo e che stiamo facendo ora è provare a investigare la verità dell’incidente, che non è stato una “sommossa”, ripristinare la verità storica e di conseguenza ottenere giustizia e un cambiamento sociale sanando le ferite del paese».

CANCELLARE LA MEMORIA. Anche alcuni giovani che non c’erano nel 1989 hanno partecipato all’incontro, affermando di «essere rimasti scioccati e ispirati da questa storia». La memoria è proprio ciò che il partito comunista cinese vuole cancellare ed è per questo che impedisce ai suoi cittadini di ricordare il massacro di almeno 2 mila persone. Quest’anno la data è sensibile non solo perché si tratta del 25esimo anniversario ma anche perché è appena morto Hu Yaobang, ex segretario generale del partito comunista, il cui decesso ha innescato i moti di protesta (qui la sua storia).

«VERITÀ DELL’UNIVERSO». Rispetto agli anni scorsi, oggi parlare di piazza Tiananmen è ancora più difficile in Cina, visto che per legittimare il suo potere il nuovo presidente Xi Jinping sta rafforzando il ritorno a un’ideologia maoista. Non a caso, l’anno scorso, in un editoriale del People’s Liberation Army Daily ha addirittura fatto scrivere che la dottrina comunista è «la verità dell’universo». E in un altro che Mao non deve essere screditato del tutto per la Rivoluzione culturale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana