Google+

Alberto Magnelli, pittore astratto di metafisica armonia

giugno 28, 2012 Mariapia Bruno

È ancora poco noto in Italia Alberto Magnelli (Firenze 1888, Meudon 1971), pittore fiorentino passato alla storia come uno dei maestri dell’astrattismo europeo, autore di numerosi dipinti caratterizzati da uno stile equilibrato e dolcemente metafisico, benché non ascrivibile a una sola corrente. Amante dei grandi maestri toscani del Trecento e del Quattrocento – soprattutto Paolo Uccello, Masaccio e Piero della Frnacesca, Magnelli si lascia influenzare nella sua giovinezza anche dal tocco matissiano e dai pittori cubisti e futuristi, per poi passare a uno stile più espressivo e colorato nel periodo più maturo, da lui definito “realismo immaginario”. Figure silenziose e pensierose immerse in ambienti indefiniti, paesaggi immobili dove case e alberi sentono la mancanza della presenza dell’uomo, nature morte di bottiglie o di altri oggetti quotidiani, sono questi i temi prescelti dall’artista che adesso possiamo ammirare alla Pinacoteca Comunale d’Arte Contemporanea “Giovanni da Gaeta”.

Aperta fino al 16 settembre 2012, la mostra intitolata Alberto Magnelli. Opere 1910-1970, mette insieme ben centosessantadue composizioni – tra pitture ad olio, disegni, gouaches su carta, litografie, collages, linoleumgrafie – provenienti da collezioni private, che ricostruiscono le diverse fasi della carriera di questo curioso sperimentatore ancora da scoprire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La "Serie 4" che – composta dalle mitiche 4CV e R4 – ha segnato il dopoguerra transalpino. Leggere, essenziali, capienti e con una meccanica super affidabile, le utilitarie della Régie hanno ispirato le più moderne R5, Supercinque e, per originalità tecnica, la nuova Twingo che sta per arrivare

È la vettura più costosa mai passata di mano: vale 52 milioni di dollari. Realizzata in 36 esemplari dal 1962 al 1964, è tra le Ferrari più vincenti e affascinanti. Adotta un V12 3.0 da 300 cv e pesa 880 kg. Scattava da 0 a 100 km/h in 5,6 secondi

Meglio un dispositivo palmare o uno da polso per l’attività outdoor? Abbiamo messo a confronto due top di gamma Garmin delle rispettive categorie, Oregon 650t e Tactix. Costano 619 e 399 euro

Speciale Nuovo San Gerardo