Google+

«Bisognava liberare i letti». Per questo un medico brasiliano ha deciso che 300 pazienti meritavano di morire

marzo 26, 2013 Elisabetta Longo

«Un paziente aveva appena chiesto un bicchiere d’acqua a un’infermiera. Ma quando è tornata l’ha trovato morto». La dottoressa, incriminata, dice di non essere pentita del suo gesto

Nelle corsie dell’Evangelico Hospital di Curitiba, vicino a San Paolo in Brasile, si erano verificate negli ultimi anni parecchie morti sospette. Così tante che il ministero della sanità brasiliana ha cominciato a indagare sulla dottoressa Virginia Soares de Souza, i cui pazienti, malati di cancro, morivano “troppo velocemente” rispetto a un normale decorso della malattia.

LETTI DA LIBERARE. Inizialmente l’indagine riguardava la morte di una ventina di pazienti, ma andando a vedere altre cartelle retrodatate, si è notato che in totale erano più di trecento le vite dei pazienti interrotte troppo presto, in sette anni. La dottoressa De Souza portava a termine il suo piano di eutanasia su pazienti da lei ritenuti non più meritevoli di vivere, somministrando loro dosi letali di farmaci o riducendo la quantità di ossigeno a coloro che si trovavano in terapia intensiva. A incriminare la donna, che non si dichiara pentita del suo operato, ma che anzi pensa di avere aiutato quei malati terminali, ci sono anche le testimonianze di coloro che lavoravano con lei. «Era necessario liberare quei letti occupati da troppo tempo per altri pazienti», così si è giustificata De Souza.

PAZIENTI LUCIDI. A destare sospetti è stata la morte di un ultimo paziente, lo scorso gennaio, deceduto un’ora dopo la somministrazione di un miorilassante, il Pavulon. «Tutti i pazienti da lei scelti per l’eutanasia erano comunque perfettamente lucidi, pur essendo malati terminali. Uno aveva appena chiesto alla sua famiglia di avere con sé gli occhiali da lettura, per leggere un po’ mentre si trovava in terapia intensiva. Un altro aveva chiesto all’infermiera un po’ d’acqua, ma quando questa è tornata l’ha trovato morto», racconta una delle voci sentite dal ministero della salute brasiliana. Altri tre medici e un infermiere sono stati arrestati, per probabile collaborazionismo con la De Souza. Che non può avere agito da sola nel suo piano di morte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi