Google+

«Bisognava liberare i letti». Per questo un medico brasiliano ha deciso che 300 pazienti meritavano di morire

marzo 26, 2013 Elisabetta Longo

«Un paziente aveva appena chiesto un bicchiere d’acqua a un’infermiera. Ma quando è tornata l’ha trovato morto». La dottoressa, incriminata, dice di non essere pentita del suo gesto

Nelle corsie dell’Evangelico Hospital di Curitiba, vicino a San Paolo in Brasile, si erano verificate negli ultimi anni parecchie morti sospette. Così tante che il ministero della sanità brasiliana ha cominciato a indagare sulla dottoressa Virginia Soares de Souza, i cui pazienti, malati di cancro, morivano “troppo velocemente” rispetto a un normale decorso della malattia.

LETTI DA LIBERARE. Inizialmente l’indagine riguardava la morte di una ventina di pazienti, ma andando a vedere altre cartelle retrodatate, si è notato che in totale erano più di trecento le vite dei pazienti interrotte troppo presto, in sette anni. La dottoressa De Souza portava a termine il suo piano di eutanasia su pazienti da lei ritenuti non più meritevoli di vivere, somministrando loro dosi letali di farmaci o riducendo la quantità di ossigeno a coloro che si trovavano in terapia intensiva. A incriminare la donna, che non si dichiara pentita del suo operato, ma che anzi pensa di avere aiutato quei malati terminali, ci sono anche le testimonianze di coloro che lavoravano con lei. «Era necessario liberare quei letti occupati da troppo tempo per altri pazienti», così si è giustificata De Souza.

PAZIENTI LUCIDI. A destare sospetti è stata la morte di un ultimo paziente, lo scorso gennaio, deceduto un’ora dopo la somministrazione di un miorilassante, il Pavulon. «Tutti i pazienti da lei scelti per l’eutanasia erano comunque perfettamente lucidi, pur essendo malati terminali. Uno aveva appena chiesto alla sua famiglia di avere con sé gli occhiali da lettura, per leggere un po’ mentre si trovava in terapia intensiva. Un altro aveva chiesto all’infermiera un po’ d’acqua, ma quando questa è tornata l’ha trovato morto», racconta una delle voci sentite dal ministero della salute brasiliana. Altri tre medici e un infermiere sono stati arrestati, per probabile collaborazionismo con la De Souza. Che non può avere agito da sola nel suo piano di morte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana