Google+

Aumenta la persecuzione religiosa in Cina: 500 poliziotti fanno irruzione in una chiesa e distruggono la croce

ottobre 19, 2014 Redazione

Centinaia di fedeli vegliavano da tre mesi per impedire la distruzione della loro chiesa. La polizia ha approfittato dell’assenza di molti, che sono dovuti recarsi nei campi per preservare il raccolto

chiesa xianqiao cinaPeggiora la persecuzione delle chiese in Cina, ma non solo di quelle clandestine. Ora anche le chiese ufficiali sono vittime di «fermi, arresti e interferenze nelle attività religiose dei loro membri». È quanto viene riportato dal rapporto annuale della Commissione esecutiva per la Cina presso il Congresso americano.

METODI BRUTALI. «Entrambi i gruppi religiosi ufficiali e non ufficiali (…) subiscono abusi», si legge, mentre il governo cinese «continua a mettere fuori legge alcune comunità religiose e spirituali» e a interpretare «la dottrina protestante e la teologia, nel tentativo di conformare la fede cristiana agli obiettivi del partito». Nella relazione si legge anche che «nella provincia di Zhejiang è stata lanciata una campagna di tre anni (2013-2015) per far fronte alle “strutture illegali”, sia registrate sia non registrate, per la demolizione delle chiese e la rimozione della croce». A questo proposito, l’ultimo conteggio di ChinaAid parla di 231 chiese colpite, mentre secondo le stime non ufficiali il numero varia da 350 a migliaia.

TRE MESI DI VEGLIA. L’ultimo caso risale al 10 ottobre e ha visto la rimozione della croce dalla chiesa di Xianqiao (nella foto), situata nella provincia di Zhejiang. La polizia, approfittando dell’assenza di parte della comunità cristiana, che da cento giorni vegliava in Chiesa, ha divelto il crocifisso e l’ha demolito. Per proteggere la croce negli ultimi tre mesi i cristiani si erano recati in Chiesa a gruppi, spesso lasciando le proprie attività. Per due giorni però erano rimaste solo una decina di persone, visto che la comunità contadina è stata costretta ad andare nei campi per non perdere l’intero frutto del lavoro di un anno.

cm1009-qnpARRESTI E VIOLENZE. «La croce della chiesa di Xianqiao è stata presa con la forza», ha raccontato un fedele presente, spiegando che a fare irruzione nell’edificio sono stati circa 500 poliziotti. «Sono andati direttamente al piano superiore della chiesa – ha raccontato un altro testimone – verso la sala delle apparecchiature audio. E hanno distrutto la porta che conduceva al crocifisso. Dopo aver infranto la porta, ci hanno messo tre ore per abbattere la croce». La polizia ha anche confiscato il computer e altre apparecchiature per un valore complessivo di oltre 80 mila dollari, mentre tre fedeli sono stati arrestati per essere rilasciati il giorno dopo. I testimoni hanno poi raccontato che gli ufficiali hanno distrutto i telefoni cellulari di due donne mentre cercavano di riprendere i fatti.

ALTRE DEMOLIZIONI. Centinaia di fedeli avevano «custodito la loro chiesa per più di 100 giorni» insieme ad altri «provenienti da altre chiese che sono venuti ad aiutare». Alcuni di loro «non hanno aperto i negozi e le loro fabbriche sono rimaste inattive» per vegliare, ha spiegato un fedele, «e i contadini non sono andati a lavorare la loro terra». Due giorni prima anche la chiesa di Xialing a Lucheng, nel distretto di Wenzhou, era stata attaccata da più di 600 ufficiali governativi e di polizia, sebbene centinaia di cristiani stessero vegliando in chiesa da due mesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Drew scrive:

    Il Dragone Rosso!
    Vigliacchi sono entrati in 500 con le armi!
    Tra loro e l’Isis non so quale Bestia sia la più Pericolosa…

    • EquesFidus scrive:

      Sono entrambi manifestazioni della stessa bestia, come pure lo sono i nostri peccati: del Dragone maledetto che dall’inizio dei tempi trama contro Dio, nella disperata rabbia che discende dalla certezza che sarà sconfitto dal Cristo.

  2. Leo Aletti scrive:

    L’anima non si riesce ad ucciderla abbattendo chiese, non lo avete capito compagnl comunisti cinesi.

  3. giuliano scrive:

    ma siamo sicuri che non siano stati i Centri Sociali nostrani a fare questo scempio ?? tra vermi rossi ci si intende

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana