Google+

Attacco chimico in Siria. C’è un problema di affidabilità delle fonti

aprile 5, 2017 Leone Grotti

Assad avrebbe causato la morte di 72 persone sganciando gas Sarin su un territorio controllato dai terroristi. Ma le fonti sono tutt’altro che imparziali

Sarebbero almeno 72 le vittime di un attacco aereo nel nord-ovest della Siria, a Idlib, in un area controllata dai terroristi di Al-Nusra. Tra queste, almeno 20 bambini. Tutti sarebbero stati uccisi da gas tossici e da un secondo attacco su un ospedale che stava curando i feriti a Khan Sheikhun. Il principale indiziato è il regime di Bashar al-Assad.

CHI VERIFICA? Perché usiamo il condizionale? Perché non è la prima volta purtroppo che si verifica un caso di questo tipo nell’ambito della guerra siriana, che va avanti da sei anni. Già nell’agosto del 2013 Assad è stato accusato di avere attaccato con il gas Sarin una zona controllata dai ribelli, al-Ghouta, nella periferia di Damasco. Allora, come oggi, la rete nel giro di poche ore è stata inondata da foto e video orribili, la cui provenienza è però dubbia e non verificata. Non si tratta di assolvere o giustificare Assad (è un crudele dittatore), né di negare la realtà, ma c’è un problema di natura giornalistica.

L’UNICA FONTE. La zona attaccata è off-limits e le notizie su questo attacco, come tanti altri, pubblicate da tutti i giornali del mondo arrivano da un’unica fonte: l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Al di là del nome, questa organizzazione con sede a Coventry nel Regno Unito non ha tutti i crismi dell’imparzialità. Finanziata dal governo inglese, è gestita da una sola persona, Rami Abdel Raman, che si avvale dell’aiuto di quattro collaboratori in loco e che riceve le sue informazioni sulla Siria esclusivamente da fonti ribelli. Rami Abdel Raman è un ex commerciante il cui vero nome è Osama Suleiman. Incarcerato tre volte in Siria, è scappato dal paese nel 2000 dopo l’arresto di due soci legati alla Fratellanza Musulmana.

TEMPISTICA SOSPETTA. Con questo, ancora una volta, non si vuole insinuare che le notizie fornite dall’Osservatorio siano false ma la loro affidabilità non è provata. Per quanto riguarda l’attacco del 2013, che per poco non ha provocato la catastrofe dell’intervento americano desiderato da Obama e poi sventato, ci sono molti dettagli che a distanza di quattro anni ancora non tornano: innanzitutto la tempistica sospetta. Come ricorda l’inviato di guerra Gian Micalessin sul Giornale, «il misterioso attacco si verificò poche ore dopo l’arrivo nella capitale di una commissione di osservatori dell’Onu incaricati proprio di indagare sull’uso delle armi chimiche». Inoltre, «il rapporto finale dell’Opcw (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) presentato nel dicembre 2015 ha escluso qualsiasi compatibilità tra il gas Sarin utilizzato nell’agosto 2013 e quello trasferito dai depositi siriani e distrutto sotto il controllo dell’organizzazione».

FIDARSI DEI TERRORISTI. Questa volta, continua Micalessin, «l’attacco avviene alla vigilia della “Conferenza sul futuro della Siria” organizzata dall’Ue e guidata da Nazioni Unite, Germania, Kuwait, Norvegia, Qatar e Inghilterra». Infine, la zona attaccata è controllata dai terroristi di Al-Nusra, costola siriana di Al-Qaeda, che si è macchiata al pari di Assad di crimini di guerra e contro l’umanità e che non brilla per affidabilità o pietà, visto che per anni ha usato oltre 200 mila civili di Aleppo Est come scudi umani.

«UN ESEMPIO ELOQUENTE». Come scrive oggi sul Foglio Daniele Raineri, è proprio per colpa dei jihadisti che è impossibile recarsi in loco a verificare l’attacco: «Per dare un esempio eloquente della situazione: uno dei dottori che ieri riceveva le vittime dell’attacco chimico è il volontario britannico Shajul Islam, che oggi lavora in ospedale ma nel 2012 era pro Stato islamico e fu coinvolto nel primo sequestro del reporter inglese John Cantlie. Per questa ambiguità letale e diffusa, oggi esperti e giornalisti stranieri non possono raggiungere il sito dell’attacco». La prudenza, dunque, è d’obbligo.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.