Google+

Appello dell’Osservatore Romano: “Cercasi barbe e capelli (non tinti) a Varallo”

febbraio 14, 2012 Redazione

Inconsueto appello sul quotidiano della Santa Sede «per restaurare le ottocento statue a grandezza naturale. Molte di queste hanno capelli, barbe e baffi veri: capigliature nere, bionde, rosse, grigie, lisce, arricciate, grandi barbe pepe e sale. Oggi, però, le scorte conservate nella “Stanza dei Capelli” sono quasi del tutto esaurite».

Pubblichiamo l’articolo apparso sull’edizione dell’Osservatore Romano del 13/14 febbraio 2012, intitolato “Cercasi barbe e capelli (non tinti) a Varallo”.

«Aaa Cercasi barbe, capelli e criniere di cavallo per il restauro delle statue del Sacro Monte di Varallo»: l’appello è vero e urgente. Già qualche anno fa l’amministrazione del Sacro Monte aveva lanciato ― con successo ― un primo appello per cercare queste fondamentali materie, indispensabili per restaurare le ottocento statue a grandezza naturale. Molte di queste, infatti, hanno capelli, barbe e baffi veri: capigliature nere, bionde, rosse, grigie, lisce, arricciate, grandi barbe pepe e sale, a seconda del personaggio. Oggi, però, le scorte conservate nella «Stanza dei Capelli» sono quasi del tutto esaurite. 

Ad aggravare il quadro v’è il fatto che oggi non ci sono più i capelli di una volta. «Un tempo ― spiega Elena De Filippis, direttore del santuario ― si faceva a gara per donare i capelli per le statue del Sacro Monte. Forse vi giungevano chiome come conseguenza delle tonsure delle novizie, altre per ex voto. Oggi queste donazioni sono rare. E le capigliature disponibili sul mercato, oltre che costose, hanno colori e acconciature che risentono della moda di oggi. Il restauro corretto delle statue del Sacro Monte richiede invece il rispetto della fisionomia originale dei personaggi rappresentati, che capelli “sbagliati” possono alterare e confondere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download