Google+

L’Apartheid autoinflitta

settembre 20, 2016 Pietro Piccinini

La preoccupazione di proteggere gli studenti da ogni minimo turbamento sta raggiungendo livelli parossistici. L’ultima moda è la creazione nei campus universitari di alloggi per soli neri

black-student-union

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La mania dei “safe space” che ammorba il clima nelle istituzioni educative americane pare non avere alcun freno possibile. La preoccupazione di proteggere gli studenti da ogni minimo turbamento intellettuale, e cioè da ogni minimo contatto con idee o portatori di idee potenzialmente “offensive” (leggi: non allineate al pensiero unico politicamente corretto), sta raggiungendo livelli parossistici, al limite dell’autogol. L’ultima assurda moda è la creazione nei campus universitari di alloggi per soli neri.

Avete letto bene. Dormitori per neri. Pochi giorni fa a fare notizia è stato l’annuncio della creazione di uno studentato dedicato alla “Black Living-Learning Community” da parte della California State University di Los Angeles, ma facility dello stesso tipo erano spuntate in precedenza a Davis, a Berkeley e in Connecticut.

Naturalmente le cose non sono mai messe giù così brutalmente, ma per quanto questi spazi siano limitati (non si tratta di interi edifici adibiti allo scopo, per ora, ma solo di singoli piani o ali), per quanto siano pretestuosamente “aperti” a tutti, e per quanto in diversi campus esistano già aree analoghe dedicate ad altre minoranze (questa semmai sarebbe un’aggravante), la tendenza non può che risultare paradossale.

La presidente di una “Black Student Union” descrive il dormitorio per neri della sua università come «decisamente un safe space», uno spazio davvero sicuro, perché in giro si vede solo «gente che ha il tuo stesso aspetto, che passa attraverso le stesse cose che attraversi tu». Visto? Bastava così poco per sconfiggere il razzismo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Antonio says:

    Dato che io sono omofobo non per mia volontà ma per naturale, istinto ho diritto al safe space perchè rimango profondamente turbato quando vedo due uomini o due donne che si baciano o peggio fanno altro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download