Google+

Andreotti e gli ipocriti del ni, so

maggio 12, 1999 Lauzi Bruno

Lettera a tempo

È di pochi giorni fa la notizia che per Andreotti sono stati chiesti 15 anni di carcere per associazione mafiosa. Mia moglie, nell’ascoltare le motivazioni, si è messa a ridere: “E noi che credevamo che Andreotti fosse il capo di tutto e invece era un gregario! È andato lui a baciare Totò Riina e non viceversa. Si sarebbe potuto pensare che l’abbia fatto per interesse personale, gli avessero trovato conti segreti o possedimenti in paradisi fiscali, oppure per interesse di corrente politica, se la sua corrente fosse stata maggioritaria non dico nella Dc italiana ma almeno in quella siciliana, oppure perché comandare è meglio di fottere, ma lui comandava già con una caterva di preferenze prese in Lazio, regione nella quale non risulta comandare la mafia… insomma, casomai gli andrebbero dati 15 anni per imbecillità!”. Ma, tant’è, dato che Andreotti è tutto meno che imbecille, il mistero si infittisce: perché hanno chiesto solo 15 anni? In fondo, se ha fatto ciò di cui lo accusano, perché non l’ergastolo? Meno male che ci ha pensato il pm del processo per l’omicidio Pecorelli a rimediare. Nel frattempo, i nostri politici, allevati per metà alla scuola della doppiezza togliattiana e per metà dell’ambiguità andreottiana e dalle convergenze parallele di Moro, mostrano di aver messo a frutto le lezioni: ora stanno con Andreotti e se lo coccolano al compleanno e ne chiedono l’autorevole parere a ogni pié sospinto, inneggiando però nello stesso tempo alla Procura di Palermo che lo considera un delinquente. Siamo alle solite: un piede di qui e uno di là, riescono a dire tutto e il contrario di tutto. In questo esercizio si distinguono i suoi colleghi democristiani, unici a stare contro la sinistra in Europa e con la sinistra al governo in Italia. Sono tutta una razza, arricchita dalla presenza di quelli (e Andreotti tra loro) che vanno in guerra ma fanno finta di non esserci, alleati sì, ma critici, come per dire: “Te la do, ma vergognati”, incerti a tutto, inaffidabili, vigliacchi fino al midollo. Sarebbe questo il paese in cui il cattolicesimo era religione di Stato? Ma lo sanno che c’è stato un tale che ha detto che il “sì” doveva essere “sì”, e il “no”, “no”? Ma quando mai? La scelta di campo in questo paese è vissuta come un fastidio, queste semplificazioni sono rozze, leggende palestinesi, niente paura, gli italiani sono più furbi anche del Vangelo. Anzi, prevedo una riscrittura. “Sia ‘nì’, ‘nì’, sia ‘sò’, ‘sò’”. Amen.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.