Google+

Diamo l’Ambrogino d’oro a Paola Bonzi del Cav di Milano. Il radicale Strik Lievers: «Anche io ho firmato»

settembre 25, 2013 Benedetta Frigerio

Appello per l’onorificenza alla donna che alla clinica Mangiagalli ha salvato 16 mila bambini dall’aborto. Anche Cappato «non contrario». Questa sera la cena di beneficenza.

«Firmo perché condivido le motivazioni contenute nell’appello. Non conosco molto le attività del Centro aiuto alla Vita della clinica Mangiagalli, tuttavia, per quel che ho potuto sapere di questa donna, so che aiuta le future madri a superare maternità difficili, per cui pensano che l’unica soluzione sia l’aborto. E questa mi sembra una cosa importantissima. Un conto è imporsi su qualcuno che non vuole diventare madre, un altro è sostenere una persona a superare le difficoltà. Questo è un diritto che bisognerebbe sostenere con ogni sforzo».
A parlare con tempi.it è Lorenzo Strik Lievers, storico radicale pannelliano che ha firmato l’appello per conferire l’Ambrogino d’Oro a Paola Bonzi. L’esempio di Strik Lievers è stato importante anche per un altro radicale come il consigliere comunale Marco Cappato che ha detto di «non dev’essere necessariamente contrario» all’Ambrogino a Bonzi. «Io non conosco Paola Bonzi – ha spiegato Cappato – e mi informerò per capire ma ho la massima stima per Lorenzo e per la sua opinione. Se questo lavoro di Paola Bonzi è svolto in modo serio e non ideologico io non ho nessun motivo per essere contrario».

CRISI ECONOMICA. Paola Bonzi, direttrice del Cav della clinica Mangiagalli di Milano, l’unico interno a un ospedale, ha speso ventinove anni fra pannolini, pappe, culle e abitini non suoi. Sono quelli che ha regalato a 16 mila bambini nati dalle quasi 18 mila donne che ha incontrato nel piccolo locale della clinica.
Il Centro è oggi in crisi per mancanza di fondi e rischia di chiudere; così, grazie a un appello promosso dal consigliere provinciale Nicolò Mardegan (Pdl), il mondo della società civile e politico si è mosso trasversalmente per partecipare a una serata di gala e per l’assegnazione dell’Ambrogino d’oro a Bonzi. La cena di beneficenza inizierà alle ore 20 di oggi e si terrà nella sede della Provincia, a Palazzo Isimbardi. Parteciperanno Demetrio Albertinie e Valentina Marchei, Antonella Boralevi e Matteo Marzotto. A firmare l’appello per il riconoscimento del Comune saranno invece politici del Pdl come Eugenia Roccella, ma anche Fabio Pizzul del Pd. A mettere il proprio nome anche i consiglieri comunali: fra loro Matteo Forte del Pdl e Andrea Fanzago del Pd. La stessa trasversalità si trova in Regione.

UN CONSENSO MERITATO. Un consenso multipartisan reso possibile da quasi trent’anni in cui Bonzi non ha mai cercato riconoscimenti né cariche istituzionali. È sempre rimasta lì, in quelle quattro stanze nascoste delle clinica, per accogliere le mamme. Per trovargli un lavoro, una casa, per offrigli un’amicizia. Lei, ex maestra di religione, aveva attaccato, in un’intervista a Tempi, il mito dell’autodeterminazione moderna: «Belle teorie. Nessuno uomo è un isola, ognuno di noi è sempre alla ricerca di una relazione con l’altro». Ricordando che non serve dire di avere fede per riconoscere di aver bisogno e per accettare la vita. Un’opera laica la sua, aperta a tutti. Che merita dunque l’onorificenza comunale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Edo scrive:

    Paola santa subito!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

Dopo il lancio del Disc Brake Project, nel 2016, ecco prendere forma la prima ruota specifica per freno a disco. Reattività, leggerezza e affidabilità sono gli obiettivi del r&d Campy.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana