Google+

Leggere il “nuovo” programma dei grillini e trovare solo il vecchio statalismo

maggio 8, 2012 Leone Grotti

A Sarego è stato eletto Castiglion, primo sindaco del Movimento 5 Stelle. Tante le idee leggendo il programma, una la matrice: lo Stato deve essere onnipresente e «creare» tutto, anche gli extracomunitari.

Altro che antipolitica: il Movimento 5 Stelle è il nuovo che avanza e da oggi, per la prima volta, un candidato grillino governerà un Comune italiano. Lui è Roberto Castiglion, ingegnere e padre di famiglia 32enne, e la città è Sarego, in provincia di Vicenza. A lui l’onore e l’onere di dimostrare che i grillini sanno essere anche forza di governo, che sono pronti a guidare le amministrazioni italiane, e che al contrario dei partiti tradizionali i programmi, loro, li attuano.

Castiglion dovrà quindi «sensibilizzare le associazioni locali per far sì che durante le manifestazioni venga garantita una raccolta differenziata di alto livello» e spingere i cittadini a buttare gli scarti alimentari in giardino, invece che nel bidone, perché ognuno «crei» il suo «compostaggio domestico». Per «evitare ogni mese lo smaltimento di migliaia di bottiglie di plastica» installerà «colonnine per la distribuzione di acqua pubblica sia lisca che gasata» così che i 6.500 cittadini di Sarego la smettano di andare a comprarla nei negozi ma la prendano gratuitamente dal Comune. Come fa giustamente notare il nuovo sindaco nel programma, sarebbe meglio se i cittadini riempissero alle colonnine «bottiglie in vetro, in modo tale da conservare meglio il sapore genuino dell’acqua», non sia mai che qualcuno guasti il meraviglioso sapore dell’acqua pubblica. Perfino «le mense scolastiche potranno utilizzare l’acqua prelevata dalle colonnine», così che i bambini si abituino fin da piccoli.

Con Castiglion nessuno a Sarego soffrirà mai più la sete ma neanche di strani disturbi, visto che effettuerà un «monitoraggio dei campi magnetici provocati dalle antenne telefoniche installate sul territorio comunale». Con il nuovo sindaco, Sarego sarà anche «più vitale». Come? Con internet. Il Comune «creerà» la connessione gratuita per tutti nei luoghi pubblici, così che «i giovani saranno stimolati ad uscire di casa e navigare nella Rete con i loro dispositivi mobili stando all’aria aperta». Basta andare su internet a casa, tutti al parco, dove il Comune provvederà a prevenire il rischio alienazione installando «panchine e tavoli per favorire l’aggregazione».

Uno degli obiettivi principali del Movimento 5 Stelle, si sa, è ridurre la distanza tra cittadino e politica. Per questo il Comune di Castiglion sarà più trasparente, chiunque potrà fargli i conti in tasca, ma soprattutto «trasmetteremo sul sito del Comune il Consiglio comunale per garantire una maggior trasparenza e per favorire la partecipazione dei cittadini al dibattito pubblico». Non è difficile immaginare già ora quante migliaia di visitatori se lo guarderanno tutti i giorni. Il Comune poi «creerà» anche una newsletter (ancora non è chiaro se sarà concesso ai cittadini di inserirla nello spam).

E siccome i grillini pensano a tutto, ma proprio a tutto, Castiglion «creerà» anche «uno spazio diurno dedicato agli anziani». Perché andare al bar a bersi un bianchino e giocare a carte, se lo si può fare nello spazio diurno preparato dal Comune? Nel programma i grillini consigliano anche di «giocare a carte, a tombola e leggere i giornali». I quotidiani, manco a dirlo, saranno pubblici e gratuiti. In più, a Sarego non ci sarà più un edificio comunale senza il suo pannello solare, una strada senza la sua pista ciclabile o una scuola senza il suo «nonno vigile» a guardia.

E per chi non fosse soddisfatto dalla diretta web del Consiglio comunale, Castiglion provvederà a organizzare e «creare» eventi. Nell’ordine: a) «Lezioni di rispetto ed educazione ambientale per gli alunni presso le scuole dell’Istituto Comprensivo», b) «incontri informativi aperti alla cittadinanza, il già esistente Gruppo d’Acquisto Solidale (GAS), per stimolare un’economia consapevole», c) «corsi gratuiti di informatica di base aperti a tutti i cittadini presso gli istituti scolastici» e meravigliosi d) «incontri in cui saranno presenti esperti del settore energetico che, oltre ad informare sulle ultime tecnologie in materia di fonti di energia rinnovabili, daranno utili consigli su come ottimizzare l’uso dell’energia negli impieghi domestici di tutti i giorni, evitando gli sprechi». Sui temi dell’economia e del lavoro invece non è previsto niente.

Bisogna vedere se Castiglion riuscirà a realizzare tutte queste cose come i cittadini di Sarego gli hanno chiesto di fare eleggendolo. Come tutti i politici, anche il sindaco del Movimento 5 Stelle ha il sacrosanto diritto di essere giudicato politicamente in base a quello che farà. Una cosa però la si può già affermare: i grillini, grazie a internet e alla democrazia 2.0, saranno anche il nuovo che avanza ma l’idea dello Stato onnipresente che pervade e risolve la vita ai cittadini non è poi tanto inedita. A onor del vero bisogna dire che, in uno slancio emotivo di sussidiarietà, nel programma di Castiglion c’è scritto che «per favorire un’adeguata integrazione promuoveremo e valorizzeremo i corsi gratuiti di lingua italiana già attivi presso il centro parrocchiale di Meledo». Ma non temete, gli extracomunitari li «creeranno» loro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Stefano scrive:

    Bene, a ora inizio il cambiamento della politica italiana, soprattutto il cambiamento delle facce della politica!!! Avanti così

  2. Mappo scrive:

    Questo sindaco non ha capito che gli abitanti di Sarego non lo hanno votato per il suo programma o per la sua bella faccia, ma perché erano disgustati per l’idea di politica che ogni giorno i mass media gli inculcavano in testa. Non passerà l’intera legislatura che gli abitanti di Sarego si creeranno il loro bel Piazzale Loreto casalingo dove appendere per i piedi il sindaco grillino e tutto il suo bellissimo (ed inutile) programma.

  3. Barbera Callado scrive:

    I simply want to tell you that I’m beginner to weblog and actually loved this web blog. Likely I’m planning to bookmark your blog . You surely come with terrific articles and reviews. Regards for sharing your web-site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana