Google+

Tutti in attesa di Nolan. E dire che era partito dai b movie

agosto 18, 2017 Simone Fortunato

Il regista britannico non è certo come i colleghi dei vari Piranha. Ma non chiamatelo autore

READY PLAYER ONE

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Una volta nel mondo del cinema le cose stavano così. Da un parte c’erano i registi autori, i Fellini, gli Antonioni, i Tarkovskij, i Visconti. Quelli che portano avanti un discorso coerente nelle proprie opere, quelli che sono difficili, gente da interpretare. Insomma: l’Arte. Dall’altra parte c’erano i matti, gli artigiani, i furbacchioni che pensavano poco all’Arte e tanto ai quattrini. Tipo Roger Corman, che all’anno dirigeva decine di film dai titoli scoppiettanti (l’ultimo suo è il numero 416, uscito quest’anno, l’ineffabile Teeth of Piranha). La maggior parte erano film modesti, girati con due soldi ma capaci quasi sempre di incassare e intercettare il pubblico. E poi avevano questi titoli: Night of The Cobra Woman, L’assalto dei granchi giganti, Women in Cages. C’è poco da ridere: Corman lanciò gente come Coppola, Nicholson, Demme, Scorsese e il Piranha di James Cameron fu prodotto da lui. Non era Arte ma era gran cinema d’intrattenimento e d’inventiva.

Oggi Cristopher Nolan non è certo Corman: è più raffinato e meno grezzo, ma non è un Autore, vivaddio, e il suo grande successo attuale è un mix di attenzione al pubblico e amore per il cinema alto e basso. Britannico, classe 1970, Nolan, che scrive e lavora quasi sempre col fratello Jonathan, si è fatto le ossa con almeno due b movie che in pochi si sono filati. Il primo, Following, era un thriller girato in uno splendido bianco e nero, forse un po’ faticoso dal punto di vista narrativo. Poi nel 2000 uscì Memento: girato con quattro soldi e un cast minimo, era un giallo a incastro dove il protagonista soffriva di un disturbo per cui si dimenticava le cose avvenute nei minuti precedenti. Seguirono un thriller discreto ma dimenticabile (Insomnia) e poi la trilogia del Cavaliere oscuro intervallata dai suoi due film migliori: The Prestige (2005), un grande omaggio a Corman appunto e al cinema di genere, tutto giocato sul doppio, e quel film inestricabile sul sogno che è stato Inception (2010), una cattedrale di rimandi alla fantascienza.

Recentemente (2014) Nolan ha “bucato” un po’ con Interstellar, che doveva essere il nuovo 2001: Odissea nello spazio ma in realtà è un’opera dalle grandi ambizioni che si perdono in una sceneggiatura caotica nella parte finale. E ora esce l’attesissimo Dunkirk (in sala dal 31 agosto) con cui conta di fare, più che il nuovo Salvate il soldato Ryan, un grande omaggio al cinema bellico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

In attesa di vederla sulle strade a fine anno, la city car approda a Milano in occasione Fashion Week, con livrea e interni a cura del direttore creativo della Maison Moschino

L'articolo Renault Clio in salsa pop proviene da RED Live.

720 CV e oltre 340 km/h per la Ferrari con il motore più potente di sempre. Strettamente derivata dalle corse, porta al servizio di tutti i piloti tecnologie e prestazioni sopraffine. A Ginevra sapremo anche il prezzo, naturalmente per pochi

L'articolo Ferrari 488 Pista, la tecnologia è da Formula 1 proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi