Google+

Si avvicina la notte degli Oscar e forse anche quella di Hollywood

gennaio 27, 2012 Paola D'Antuono

Mancano poche settimane alla notte degli Oscar, il prossimo 26 febbraio. Il film muto francese The Artist si aggiudica 10 nomination, contro le 11 di Hugo Cabret, di Martin Scorsese. Nell’attesa di sapere come va a finire una domanda sorge spontanea: non è che in California sono a corto di idee?

Puntuali come sempre sono arrivate le nomination per gli Oscar, che si assegneranno il prossimo 26 febbraio nella solita cornice del Kodak Theatre di Los Angeles. Nessuna sorpresa, nessun outsider dell’ultimo minuto, del resto la cerimonia di premiazione dei Golden Globes di qualche giorno fa aveva lasciato spazio a pochi dubbi. E infatti: The Artist, il film muto che ha fatto impazzire Cannes e Hollywood, conquista dieci candidature, solo una in meno rispetto all’ultima opera di Martin Scorsese, Hugo Cabret. Il vero stupore, semmai, sono quelle nove pellicole candidate al premio più prestigioso. Qualche anno fa l’Academy decise di allargare a dieci la rosa delle pellicole in concorso per la categoria “Miglior film”, per dare possibilità alla giuria di scegliere tra una rosa che rappresentasse più realisticamente il meglio della produzione hollywoodiana.

Sono bastati un paio di anni e d’improvviso il decimo nome scompare. A contendersi la statuetta prestigiosa sarranno The Artist, L’arte di vincere, The Help, Hugo Cabret, Molto forte, incredibilmente vicino, War Horse, Paradiso amaro, Midnight in Paris e Tree of Life, già vincitore al Festival di Cannes. Un’equa distribuzione tra grandi registi e ottimi attori e pellicole quasi di nicchia e interpreti poco più che esordienti o con un passato da caratteristi. Possibile che tra questi non meritasse di essere inserito il titolo numero dieci?

Chissà, intanto l’Academy molto presumibilmente deciderà tra l’atmosfera vintage di The Artist e l’innovazione tecnologica del maestro Scorsese nel suo Hugo Cabret. I bookmaker danno per favorito il film muto francese che può contare su un alto numero di nomination che dovrebbe garantirgli qualche premio importante. Ma ricordate l’assurda debacle de Il curioso caso di Benjamin Button nel 2008? Il film di David Fincher lasciò la cerimonia senza portare a casa nemmeno un Oscar, nonostante le 13 candidature. E che dire del colosso Avatar, uscito piuttosto malconcio dalla sfida con il piccolo The Hurt Locker? Quello che sembra certo, al di là di qualsiasi previsione, è che il 26 febbraio il pubblico assisterà a una cerimonia prevedibile, che incoronerà i suoi divi migliori (pronti a scommettere su Meryl Streep e George Clooney) e i suoi registi più affermati, per cedere a qualche inaspettato risultato nelle categorie minori.

Tutto come da copione, insomma. Del resto per il grande cinema hollywoodiano questa non sembra essere stata una delle annate migliori. Clint Eastwood ha raccolto critiche molto negative per il suo J. Edgar, Paolo Sorrentino e Sean Penn sono stati esclusi dalla corsa nonostante il bellissimo This Must be the Place e il film più atteso della stagione, Millennium – Uomini che odiano le donne, è un remake di un film svedese. Possibile che sulle colline californiane abbiano finito le idee?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.