Google+

Liga, Premier e Bundes. La solitudine al vertice

dicembre 18, 2012 Emmanuele Michela

Se la Juve è già campione d’inverno con 7 punti di vantaggio, all’estero la situazione appare poco diversa: Man Utd, Barça e Bayern dominano i rispettivi campionati (con la complicità delle inseguitrici)

Se in Italia il campionato sembra già finito, simile è la situazione negli altri campionati europei. In Serie A la Juve vola al primo posto con sette punti di vantaggio e, complici gli stenti delle inseguitrici, è già campione d’inverno con due settimane d’anticipo. Ma i bianconeri non sono l’unica squadra che sta ammazzando il campionato: anche all’estero a far da padrone sono super-corazzate ben lanciate al vertice della classifica con distanze enormi verso le inseguitrici.

VILLANOVA COME GUARDIOLA. C’era da aspettarselo d’altronde che in Spagna il Barcellona avrebbe fatto di tutto per imporre il suo ritmo, elevandosi a padrone della Liga in rapido tempo. Qualche perplessità ci poteva essere solo sul cambio in panchina, sebbene Villanova conoscesse a menadito lo stile di gioco di Guardiola e c’era da aspettarsi che avrebbe fatto di tutto per replicarlo (ma non che addirittura avrebbe fatto meglio). Quella era la sola novità: per il resto il gruppo era il solito di Messi, Xavi e Iniesta, eterni rivali delle sfide al Real. Già, proprio le Merengues: se il Barça naviga tranquillo +9 dalla seconda è anche grazie alle defiance degli uomini di Mourinho, gli unici che ci si aspettava potessero far fronte ai catalani, e che invece stanno a guardare a -13. Meglio ha fatto l’Atletico Madrid di Simeone e Falcao, secondi, squadra che però non appena si è scontrata con la capolista ha saputo incassare senza difendersi, rimediando un perentorio 4-1. Troppo netta la differenza con chi sta dietro, costretto a fare un campionato alternativo per giocarsi al massimo il secondo posto.

UNITED PADRONE IN PREMIER, SPERANDO DI NON FARE COME UN ANNO FA. Sembra lo stesso scenario della Premier: qui la fascia di miss è tutta per il Manchester United, +6 dai rivali del City, +13 dal Chelsea (che però ha una partita in meno). Merito indiscusso va alla coppia d’attacco Rooney-Van Persie, al bel gioco che Ferguson al 26esimo anno all’Old Trafford non si è ancora stancato di insegnare ai tanti ragazzini che vestono la maglia rossa, a un gruppo ben consolidato e cinico, ottimo a difendersi e preciso nel ripartire e segnare. Doti che mancano alle altre, specie ai concittadini del City: parevano gli unici in grado di reggere il ritmo imposto da Fergie, invece con la sconfitta di settimana scorsa si sono ritrovati a -6. Dietro rischia di formarsi il vuoto: il Chelsea non si è ancora ripreso dall’esonero di Di Matteo, l’Arsenal è come Cimabue, che fa una cosa e ne sbaglia due, il Tottenham inizia a sentire solo adesso i frutti della cura Villas Boas mentre tutte le altre sorprese (Everton, WBA, West Ham…) si sono sgonfiate strada facendo. I più attenti ricorderanno che un anno fa i Red Devils godevano di un vantaggio simile addirittura ad inizio aprile, salvo poi ritrovarsi dietro al City all’ultima di campionato. È vero, nel calcio (specie inglese) tutto può accadere, ma certamente ritrovarsi già a Natale con 6 punti di vantaggio è una circostanza che Ferguson mai avrebbe avuto il coraggio di sognare.

BAYERN SOLITARIO, DIETRO IL BORUSSIA LANGUE. Se i dondolii del Psg di Ibra stanno tenendo ancora aperta la Ligue 1 francese, dove i parigini condividono il primato insieme a Lione e Marsiglia, in Bundesliga si è tornati all’era della dominazione bavarese. Dopo due meisterschale volati a Dortmund, il Borussia per ora si è fatto vedere poco in campionato, concentrandosi soprattutto sulla Champions, e lasciando campo libero al Bayern Monaco: al giro di boa Ribery e compagni sono primi a 42 punti, sconfitti una sola volta e lontani 9 punti dal Bayer Leverkusen. Titolo già in mano agli uomini di Heynckes? È presto per dirlo, mancando ancora 17 giornate. Per ora però sguazzano tranquilli là davanti, con un ritmo che dietro han fatto poco per tenere. Come nel resto d’Europa.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.