Google+

La sapete l’ultima del calcio? Che la colpa è del fatturato

maggio 26, 2017 Fred Perri

È diventato una scusa, un alibi, qualcosa a cui attaccarsi, al posto del tram (taches al tram, come si dice a Milano), quando non si vince. Non come una bella intercettazione

La migliore di questi ultimi anni calcistici è la storia del fatturato. Neanche so bene di cosa si tratta, compagni, amici e bastardi di ogni genere e grado, ma la sento spesso, soprattutto da parte di quelli che non acchiappano nulla, come la volpe e l’uva. “Loro c’hanno il fatturato più grande”. Una volta noi maschietti ci sfidavamo con altri metri di paragone, adesso c’è il fatturato. Il fatturato è diventato una scusa, un alibi, qualcosa a cui attaccarsi, al posto del tram (taches al tram, come si dice a Milano), quando non si vince.

Comunque uno il fatturato se lo fa con le sue mani, gestendo la sua società, dando continuità a una storia e a dei risultati, investendo nello stadio di proprietà, insomma con una strategia. Non è che il fatturato si incontri ai bordi delle strade. Insomma non è una bella intercettazione che prima o poi, come l’amore, arriva a risolvere i problemi della prima pagina dei nostri giornaloni (ma anche giornalini). Il fatturato lo devi mettere su te, con le tue capacità, l’intercettazione invece te la apparecchiano su un piatto (o un file, siamo millennials) e non devi fare altro che usarla. Il fatturato è qualcosa di positivo, dà lavoro a molte persone, porta le squadre avanti, fa crescere i giocatori. L’intercettazione “mano libera” serve solo a qualche giornalista a scrivere libri e a qualche avversario politico a far carriera, sempre che ci riesca.

Eppure la cosa strana di questa Italia è che il fatturato è guardato con sospetto. “Loro hanno il fatturato, noi no”. Mentre l’intercettazione indiscriminata è benedetta anche dai professoroni come Zagrebelsky. Il quale, vi ricordo, ragazzetti, ha votato come voi al referendum.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.