Google+

Il tragico equivoco che non ci difende da nessun abuso

ottobre 31, 2017 Renato Farina

Basta aggirarsi nei siti più seguiti, constatare la teorizzazione continua della fatuità del piacere, che però è considerato l’unico bene eterno, con la rincorsa spasmodica dell’attimo fuggente. L’altro/a? Non esiste.

Weinstein ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Propongo uno spin-off, come si dice a proposito dei telefilm, sul caso Weinstein-Argento. C’è di mezzo – comunque la si rigiri – il rapporto tra sesso e potere. Siamo tutti d’accordo sul fatto che l’abuso si configura come violenza sulla persona: il potere sull’altro è esercitato contro la sua libertà. Un delitto gravissimo comunque siano le gradazioni della violenza: aggressione fisica o coercizione della volontà. L’altro/a da mistero è ridotto a non-persona, a cosa. Ma se fosse una cosa, un semplice agglomerato di molecole disposte in modo gradevole, non sarebbe interessante possederlo. La pulsione di violenza desidera realizzare il dominio sull’altro non solo in quanto corpo, vuole l’anima; e se non ci fosse una libertà da piegare o negare sarebbe un delitto imperfetto. Il godimento è secondario, è la giustificazione effimera di questo possesso con cui si crede di diventare onnipotenti. Una schifezza orribile e mentitrice.

Quello che qui vorrei sommessamente dire è che la cultura dominante ospita in sé un equivoco tragico. Essa (per fortuna) condanna l’abuso sessuale come delitto abominevole contro la persona, non più come crimine contro la morale sociale. Dunque considera la sfera sessuale come relazione con l’altro, un bene grande e intimo, non un’appendice del nostro essere, ma componente della sua essenza. San Giovanni Paolo II ha dedicato parti poderose e geniali del suo magistero (anche poetico) a questa verità antropologica. Non aveva l’ossessione della morale sessuale – come qualche cretino anche in tonaca continua a sostenere –, ma della verità e della libertà di ciascuna persona. Ora però la stessa cultura dominante che giudica lo stupro non lacerazione di un tessuto etico astratto, ma ferita inaudita di una donna o di un bambino/a, proclama un altro principio, l’opposto. Basta aggirarsi nei siti più seguiti, constatare la teorizzazione continua della fatuità del piacere, che però è considerato l’unico bene eterno, con la rincorsa spasmodica dell’attimo fuggente. L’altro/a? Non esiste.

Ricordo un articolo antico di Umberto Galimberti, filosofo e psicanalista elevato a maître à penser da decenni, il quale sull’Espresso spiegava che “il sesso non è rapporto con l’altro, ma rapporto dell’io con la sua follia”. La citazione è quella che mi restituisce la memoria, perciò imprecisa, ma il senso era quello. Se è così, addio rispetto. E il confine tra pratica lecita e abusi diventa – tranne i casi di brutalità conclamata – una linea convenzionale, in fondo una morale di convenienza.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.