Il dj si butta dal palco ma tutti si spostano

E’ successo in Brasile. Il dj sta bene, anche se ne è uscito un po’ malconcio e sfiduciato

Come dicono i giovani (e i giornalisti giovani dentro) “il video spopola sulla rete”. Questa volta si tratta di un dj brasiliano che, durante un concerto, si è gettato dal palco nell’illusoria speranza che il pubblico lo prendesse al volo. Come dicono i giovani, voleva fare “stage diving” e, invece, è finito col grugno sul selciato perché i giovani si sono scansati. Oplà, sbeng! Il tizio, un po’ malconcio e barcollante, si è rialzato e ha raggiunto a fatica i piedi del palco. Qui, qualche ragazzina ha cercato di confortarlo, mentre lui si massaggiava il fondoschiena tamponato.

DESTINO. Gettarsi da un palco è un gesto religioso. Chi si getta si affida a un altro. Ha così fiducia nel prossimo che lo esprime, anche fisicamente, con il tuffo. È come se dicesse: “Amico, io e te siamo estranei, ma ora abbiamo incrociato i nostri destini in questa giornata di musica. Vedi fratello, ora io mi butto dal palco, consapevole che questo gesto verrà ricordato dai posteri come simbolo di amicizia disinteressata”. Così, almeno, come suggestione. La realtà è che sotto quel palco c’era solo Santoro coi suoi parenti. Gente che ti piglia solo dietro compenso di 10 euro.