Google+

George, il marito della prima donna cristiana morta sotto le bombe a Gaza: «So che Dio non si dimenticherà mai di noi»

luglio 31, 2014 Leone Grotti

L’uomo di 75 anni si trova ora a Gerusalemme, dove sta vicino al figlio, gravemente ferito e ricoverato all’ospedale San Giuseppe, dove lo accudiscono le suore. «C’è un momento in cui ti chiedi: “Dov’è Dio?”»

ayyad-george-cristiani-gaza-gerusalemmeLo scorso 27 luglio a Gaza è morta la prima donna cristiana dall’inizio del conflitto a causa di un bombardamento israeliano. George Ayyad (nella foto), il marito di 75 anni, con l’aiuto della Caritas è riuscito a uscire dalla Striscia e a trasferirsi a Gerusalemme, dove all’ospedale di San Giuseppe sta vicino al figlio Jerjis, che nell’attacco ha riportato ustioni sul 90 per cento del corpo e ha dovuto subire l’amputazione di entrambe le gambe.

COLPITO UN MERCATO. Il conflitto tra Hamas e Israele, cominciato lo scorso 8 luglio, continua a mietere vittime. Solo ieri sono morte circa 70 persone (1.336 dall’inizio del conflitto) a causa del bombardamento di una scuola dell’Onu e di un mercato di Gaza. Prima dell’attacco l’esercito israeliano aveva annunciato una tregua umanitaria di quattro ore ma i terroristi di Hamas l’hanno respinta.

«DOV’È DIO?». All’ospedale di San Giuseppe le suore che vi lavorano cercano di impedire che all’elenco delle vittime si aggiunga il nome di Jerjis. Insieme a lui, ci sono molti bambini provenienti da Gaza tra gli 11 e i 15 anni, tutti gravemente feriti e in terapia intensiva. Suor Gilbert Saliba, presidente dell’ospedale, spiega che non si fa alcuna distinzione tra musulmani e cristiani nelle corsie. «C’è un momento quando guardi tutta questa sofferenza in cui ti chiedi: “Dov’è Dio?”. Ma dopo guardo alla croce e vedo Gesù Cristo che pende da quella croce, vedo quanto dolore ha sofferto e capisco che lui è ancora vivo in tutto questo dolore. E noi sappiamo che lui vuole usare i nostri cuori, i nostri occhi e le nostre mani per essere misericordioso verso questi esseri umani». La suora afferma anche che si prega molto in ospedale, per aiutare i feriti ad accettare questo dolore.
«Le famiglie e i feriti sanno che siamo qui per aiutarli e prenderci cura di loro», spiega la sorella Muna Totah. «Non conta di che religione siano. Tutti ci chiamano angeli e percepiscono il nostro amore».

«SAPPIAMO CHE DIO NON CI DIMENTICHERÀ». George Ayyad è tra questi. Ricorda ancora il momento dell’esplosione: «Un missile di avvertimento è caduto sul tetto», racconta al Catholic News Service. «Io stavo preparando da mangiare. Sono andato sul tetto a controllare ma non  mi sarei mai aspettato di vedere un altro missile cadere dentro casa». Quando è sceso dal tetto, continua l’uomo, «ho visto mia moglie e mio figlio sotto le macerie. Non c’erano persone armate in casa, non pensavo ci avrebbero colpiti». George è sopravvissuto insieme al figlio di 28 anni, Anton: «Noi sappiamo che Dio non si dimenticherà mai di noi e si prenderà cura di noi. Sono grato perché mio figlio Anton sta bene e Jerjis si sta riprendendo».

SOLIDARIETÀ. George ha anche parole di ringraziamento per i medici e le suore dell’ospedale: «Se anche cercassi in tutto il mondo, non potrei mai trovare un uomo migliore di Jamil Koussa», il direttore generale del San Giuseppe. Mentre parla, uno sconosciuto entra nella stanza di ospedale, lo abbraccia e gli regala dei soldi. Tutti gli abitanti di Gerusalemme fanno quel che possono per aiutare l’ospedale a prendersi cura dei feriti e a coprire i costi, offrendo cibo e donazioni in regalo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Mara says:

    Fintanto che non si impedirà a fanatici come quelli di Hamas di avere armi, questi lutti sono destinati a ripertersi.

    • Ale says:

      Mah!! Le armi degli israeliani uccidono come quelle dei palestinesi. Basta con il giustificare Israele!! E’ una vergogna. Fanno il gioco di Hamas ad uccidere bombardando scuole ed ospedali. Come possono essere tanto stolti gli israeliani ?! Che Hamas affiliasse terroristi si sapeva ma che il dialogo fosse da abolire per rispondere occhio per occhio e’ da primitivi, stolti che non hanno a cuore il futuro delle nuove generazioni. I bimbi che hanno meno di dieci anni non avevano ancora conosciuto tanta violenza ed andavano cresciuti a “pane e bombe” per alimentare l’odio verso Israele ed avere kamikaze pronti a farsi esplodere un domani in qualche luogo pubblico… Mancavano ed ora forse li ritroverà facilmente Hamas . Regnava troppa pace e questa non fa guadagnare i venditori di armi. Hamas e destra israeliana sono uguali..fanno uccidere il popolo palestinese ed i giovani soldati israeliani per dei principi mentre loro stanno al riparo da tutto.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.