Scuola francese abolisce la festa della mamma e del papà per quella dei “genitori”

La Manif pour tous aveva previsto questo finale, quando a Parigi sventolava lo slogan prima dell’approvazione del matrimonio gay: «Ultima festa della mamma»

La Francia si prepara a dire addio anche alla festa del papà e della mamma. Lo scorso 7 giugno, la scuola elementare Yves Codou, nel piccolo comune di La Mole, ha celebrato la “festa dei genitori”. La scuola ha spiegato così la decisione presa ai genitori: «Vista l’evoluzione sociale della struttura familiare e per evitare ogni tipo di polemica, abbiamo deciso d’ora in poi di festeggiare la “festa dei genitori”. Questa sarà celebrata un giorno a metà tra le date della “festa del papà” e la “festa della mamma”. Queste due, invece, non saranno più preparate in classe».

«NOVITÀ MONDIALE». Dopo l’abolizione dei termini “padre” e “madre” dal libretto di famiglia e dal codice civile, ora in Francia a causa della legge sul matrimonio gay non si festeggerà dunque neanche la festa del papà e della mamma. «Per evitare ogni polemica», dice la scuola, ma le madri dei bambini non sono d’accordo: «La festa dei genitori? Ma è una novità mondiale!», commenta ironica Anaide, giovane mamma. «Neanche mi hanno avvisato», si lamenta Fanny.

«FAMIGLIE NORMALI ESCLUSE». Altri genitori si sono lamentati, chiedendo perché era necessario eliminare il padre e la madre dall’orizzonte dei bambini: «Che cosa significa tutto questo?», ha protestato Carole, 37 anni. «Ho l’impressione che le famiglie normali siano escluse». Un’altra va più nello specifico: «Posso capire che la legge abbia cambiato la famiglia comunemente intesa, ma privarci di queste feste ci danneggia». Il 7 giugno, molte mamme si sono presentate a scuola con l’intenzione di far cambiare idea alla preside, ma l’impresa non sarà facile: «Sono orgogliosa di essere qui con il padre di mio figlio», afferma Anaide, la più agguerrita.

LA PROFEZIA. Migliaia di persone, durante l’ultima manifestazione a Parigi del 26 maggio scorso della Manif pour tous, sventolavano questo cartello (a fianco): “Ultima festa della mamma, prima della liquidazione”. Allora quel cartello faceva solo sorridere, oggi le mamme e i papà di La Mole non ridono più.