Formigoni: «Il Pd sostiene Monti ma si allea coi suoi peggiori oppositori»

«Paghiamo il sostegno a un governo che sta deludendo, ma a cui rimarremo fedeli». Il Pd fa il doppio gioco in coalizioni in cui «c’è dentro tutto e il suo contrario».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«Non c’è dubbio che il governo Monti stia deludendo ma continueremo a sostenerlo fino a fine legislatura». Così oggi il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. «Paghiamo il sostegno al governo Monti, un sostegno di cui non ci pentiamo – ha proseguito Formigoni parlando oggi coi giornalisti – anche se questo governo è partito con molte speranze mentre sta deludendo gran parte dei nostri elettori che gli chiedeva soluzioni contrarie a quelle che ha preso».

LEGA E BALLOTTAGGI – Parlando del voto alle amministrative, Formigoni si è detto convinto che il deludente risultato del Pdl è dovuto al fatto di essersi presentati «divisi dalla Lega. La mia speranza è che con i ballottaggi si possa essere insieme e sostenere i reciproci candidati. Dovremmo poi lavorare in questi 12 mesi per un’alleanza che rimetta assieme tutte le forze moderate e di centrodestra». Nell’incontro di ieri con il leghista Roberto Maroni «abbiamo condiviso l’idea di un sostegno reciproco ai candidati che andranno al ballottaggio. Ci risentiremo oggi e mi auguro che potremo riconfermare questa linea».

ASTENUTI  E PD – «L’alta percentuale di astenuti è un fenomeno su cui dobbiamo interrogarci. Nessuno può cantare vittoria e il governo Monti è nato anche dalla sensazione che bisognava affidare l’azione politica a gente che non veniva dalla politica. L’Italia ha bisogno dei partiti, ma di partiti credibili». Gli avversari del Pd non possono «cantare vittoria: «Il Pd che sostiene il governo Monti non ha avuto nessuna remora ad allearsi con alcuni dei peggiori oppositori del governo Monti. Questo la dice lunga sulla composizione di alcune giunte di importanti città: c’è dentro tutto e il contrario di tutto».

ALFANO – A proposito delle polemiche sul segretario del Pdl Angelino Alfano, secondo talune ricostruzioni giornalistiche al centro di richieste di dimissioni, Formigoni ha aggiunto: «La leadership di Angelino Alfano non è minimamente in discussione. Un anno fa abbiamo fatto una scommessa su Alfano e i risultati di ieri non sono minimamente attribuibili a lui. Dobbiamo farcene carico noi, tutta la classe dirigente del Pdl, e la leadership di Alfano non è messa in discussione».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •