Palermo, guarda chi c’è in panchina: Rino Gattuso

Al Sion ha fatto pure qualche gara da allenatore, e ora Zamparini lo avrebbe contattato per riportare in Serie A i rosanero. Il patron smentisce, ma per la “Gazzetta” l’affare è fatto.

Non è ancora ufficiale, bisognerà attendere che il giocatore si svincoli dal club svizzero cui è legato. Ma secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, Gennaro Gattuso sarà il prossimo allenatore del Palermo. Rino, ora in forza al Sion, arriva da un’esperienza in panchina non felicissima, sempre con la squadra elvetica, con cui ha conquistato 2 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte, ruolino che lo ha portato a tornare a giocare in mezzo al campo per il finale di stagione. Ma Zamparini avrebbe scelto lui per il seguito di Sannino, che nei giorni scorsi ha comunicato al suo patron l’intenzione di non proseguire la sua avventura al Barbera. Il presidente si affiderebbe all’esperienza da giocatore di Ringhio, nel tentativo di riportare subito in A il suo Palermo. Al momento però non intende dare certezze sulla notizia, e ieri ha smentito categoricamente tutto: «È una notizia falsa, ogni giorno esce un nome nuovo. Credo che Gattuso giochi ancora a calcio, o fa anche l’allenatore? Il nostro allenatore è Sannino, non lo libero dal contratto». Ma per la Gazzetta l’affare è fatto.

LE ALTRE NOTIZIE DI CALCIOMERCATO:

– CHIEVO, CORINI NON È PIÙ ALLENATORE. Il Chievo ha deciso di non confermare il tecnico Eugenio Corini, secondo quanto ha riportato pochi minuti fa Sky Sport 24. Contratto rescisso in maniera consensuale dalle parti in causa. «Ieri c’era grande sintonia, sembrava ci fossero sviluppi positivi a riguardo», ha spiegato lo stesso Corini a tuttomercatoweb, rispondendo a chi sottolineava il repentino cambio di prospettiva nelle trattative per il rinnovo col Chievo. «Poi abbiamo valutato che era meglio decidere, consensualmente, di non andare avanti su questo percorso. Ci siamo lasciati con stima reciproca».

– MILAN, POSTICIPATO L’INCONTRO CON ALLEGRI. L’incontro tra Max Allegri e Silvio Berlusconi sarà ancora posticipato. Dovevano vedersi domani ad Arcore, per capire gli sviluppi della permanenza del toscano sulla panchina del Milan, invece il presidente rossonero, secondo quanto riporta Sky, rimarrà in Sardegna fino a domenica. Il ritardo complica così la vicenda: la Roma aspetterà Allegri oppure s’imporrà ancora con il suo ultimatum? L’allenatore prenderà tempo o arriverà subito ad una decisione?

– MILAN, NESSUN RISCATTO PER BOJAN. Niente da fare per Bojan Krkic: secondo Sky Sport il Milan non lo riscatterà, e così lo spagnolo tornerà al Barcellona. Galliani aveva chiesto uno sconto ai catalani, che però sono rimasti fissi nella richiesta: 15 milioni di euro per avere a titolo definitivo l’attaccante. Cifra troppo alta per il Milan, che lascerà quindi partire il ragazzo.

– INTER, PER IL VICE-MILITO SI GUARDA A GILARDINO. In attesa che rientri dall’infortunio, l’Inter sta valutando nomi freschi da inserire in rosa come vice-Milito. E nelle ultime ore ha preso quota l’ipotesi di vedere in nerazzurro Alberto Gilardino, attaccante classe ’82 ora in forza al Bologna. A rendere facile la trattativa, gli ottimi rapporti tra i nerazzurri e l’agente del giocatore, Beppe Bozzo, che ha appena seguito l’approdo alla Pinetina di Walter Mazzarri. Da valutare però se il giocatore dovesse accettare di arrivare a Milano per partire dalla panchina in un anno così particolare come questo, dove il bomber di Biella punta ai Mondiali del 2014.

– MILAN, SEEDORF DRIBLA LA PANCHINA: «STO BENE AL BOTAFOGO». È il principale indiziato a succedere a Max Allegri sulla panchina del Milan. Ma intervistato oggi dal Corriere dello Sport, Clarence Seedorf non sembra propenso a fare chiarezza sulla proposta rossonera: «Al Botafogo mi trovo benissimo, qui mi hanno accolto benissimo. Non pensate che in Brasile sia tutto facile, qui nessuno ti regala niente neanche se ti chiami Seedorf. Si disputano 65 partite l’anno, non si può sgarrare mai. Il segreto? Vivere bene e dare sempre il massimo. Futuro al Milan? Sono in ritardo, devo andare all’aeroporto. Contattate il mio ufficio stampa per sapere se e quando ci incontreremo per parlarne».

– INTER, RANOCCHIA POTREBBE PARTIRE: I NOMI PER LA DIFESA. Andrea Ranocchia è in uscita: l’ex-centrale del Bari è reduce da una stagione altalenante in nerazzurro, ma riesce comunque ad attrarre su di sé l’interesse di alcuni club, in primis la Juve di Conte. Se arrivasse un’offerta seducente, l’Inter non si opporrebbe ad una sua partenza, ma piuttosto cercherebbe nomi validi su cui investire per costruire la difesa a tre di Mazzarri: c’è Dragovic del Basilea e Rami del Valencia, opzioni cui si è aggiunta quella di Modibo Diakité, centrale in scadenza di contratto con la Lazio.

– LIVERPOOL, ARRIVA KOLO TOURÈ. SKRTEL IN USCITA. Due anni di contratto a 90mila sterline alla settimana. È l’accordo che Kolo Touré ha raggiunto con il Liverpool: ai Reds arriva così il centrale ivoriano, prelevato a parametro zero dal Manchester City. Intanto, il Sun rilancia la notizia che Martin Skrtel potrebbe lasciare Anfield Road: su di lui c’è l’interesse dell’Arsenal, oltre a quello del Napoli di Benitez.

– FIORENTINA, SE JOVETIC PARTE SI PENSA A GOMEZ DEL BAYERN. In attesa di capire che cosa farà Stevan Jovetic (nel week-end ci potrebbe essere l’incontro decisivo), la Fiorentina pensa già ad un possibile sostituto. Il montenegrino potrebbe finire alla Juve o all’estero, ma i viola starebbero facendo i primi passi per arrivare a Mario Gomez del Bayern Monaco. Secondo Tuttosport, il tedesco potrebbe lasciare il club campione d’Europa dopo essere stato superato nelle gerarchie in attacco dal croato Mandzukic: Heycknes più di una volta ha preferito quest’ultimo al bomber della Nazionale tedesca, e l’impressione è che pure Guardiola possa fare lo stesso la prossima stagione.

– INTER, SOLDI + BARTRA, HANDANOVIC AL BARCELLONA. Secondo Mundo Deportivo la trattativa per portare Samir Handanovic al Barcellona prende sempre più forma, ed essendo decisamente alta la richiesta nerazzurra, 30 milioni di euro, i catalani starebbero cercando di renderla più abbordabile inserendo una contropartita valida. E così la scelta sarebbe caduta su Marc Bartra, difensore classe ’91 prodotto della virtuosa cantera blaugrana. La proposta non dispiacerebbe troppo a Mazzarri, che oltre a trovarsi denaro fresco da investire sul mercato, avrebbe a sua disposizione un nuovo nome valido da schierare in difesa.

– NAPOLI, E SE CAVANI RESTASSE? 63 milioni di euro: questa la clausola che Aurelio De Laurentiis ha fissato per Edinson Cavani. Cifra alta, accessibile a pochissimi. O forse addirittura a nessuno, situazione che spingerebbe quindi ad una permanenza dell’uruguayano a Napoli, dato che il presidente ha detto chiaramente che non intende svendere il pezzo più pregiato della sua scuderia. C’è un interessamento del Real, destinazione gradita al Matador, ma l’offerta non sarebbe superiore ai 50 milioni di euro. Così De Laurentiis ci prova, e su invito di Rafa Benitez, sarebbe pronto ad offrire un nuovo contratto a Cavani: 7 milioni di euro a stagione per 5 anni. Intanto il ragazzo ha parlato dal ritiro della sua Nazionale: «Da bambino sognavo di giocare nel Real o nel Barcellona, ma ora sono orgoglioso di essere al Napoli. Sul mio futuro non posso dire nulla, perché ancora non so niente».