Mostra – Il mondo di Van Gogh negli scatti di Emmy Andriesse

Il Van Gogh Museum di Amsterdam festeggia, con una mostra aperta fino al prossimo 5 ottobre, il centenario dalla nascita di Emmy Andriesse (1914 – 1953), fotografa della prima metà del Novecento che si è ispirata, soprattutto nell’ultimo periodo del suo breve percorso artistico, a quelle straordinarie opere di Vincent Van Gogh che ogni giorno vengono ammirate anche per interi minuti nei musei del mondo che hanno la fortuna di custodirle. La collezione più corposa rimane sempre quella del museo della città olandese all’interno del quale, fino al prossimo 5 ottobre possiamo ammirare la retrospettiva Emmy Andriesse. The world of Van Gogh in photos.

La rassegna, che accosta gli scatti della fotografa alle opere con il medesimo soggetto dell’artista padrone di casa, è un excursus straordinario tra quei luoghi olandesi e provenzali che hanno catturato l’attenzione del pittore che nella seconda metà dell’ottocento li abitò con tutte le sue speranze e delusioni, e una giovane esperta di obiettivi a caccia di quegli scorci divenuti leggendari grazie a dei febbrili colpi di pennello. Nel pieno della sua maturità artistica, Andriesse, dopo essersi recata nei luoghi di Vincent, in Provenza, ad Auvers-sur-Oise, ha realizzato una serie di foto intitolate The world of Van Gogh, che adesso costituiscono il nucleo della prima metà della mostra. Sono immagini da cui traspira l’essenza di Van Gogh e lo stile della fotografa, che mostrano come il tormentato pittore rimanga una fonte di ispirazione per molti artisti.

La seconda parte della mostra presenta, invece, le prime opere di Andriesse, caratterizzate da un forte interesse per le tematiche sociali. Come Van Gogh, la fotografa ha voluto cogliere la normalità della gente comune, con onestà e rispetto: scegliendo i suoi soggetti ovunque le capitasse, è riuscita ad inserirli in una perfetta composizione estetica e a donargli una propria forte identità.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •