Google+

Australia. Vescovo indagato per aver scritto un pamphlet sul matrimonio

novembre 18, 2015 Benedetta Frigerio

Julian Porteous ha ricevuto una notifica per aver divulgato il libretto intitolato “Non fare confusione sul matrimonio”

matrimonio-shutterstock_316747259

Indagato a causa di un pamphlet, giudicato «gravemente, ingiusto», «offensivo e umiliante», solo perché invitava le scuole cattoliche a non fare propri i criteri della cultura mondana sul matrimonio. A raccontare la vicenda che lo ha coinvolto è stato l’arcivescovo cattolico della diocesi australiana di Hobart (Tasmania), Julian Porteous, che il 12 novembre scorso ha scritto di aver ricevuto una notifica da parte del dipartimento Anti-discriminazioni che lo avvisava dell’apertura di un’indagine per verificare la sua colpevolezza. Porteous ha spiegato che l’accusa nei suoi confronti è di violazione della legge contro la discriminazione del 1998, che alla sezione 17 proibisce l’offesa, umiliazione, intimidazione, insulto o ridicolizzazione in base alla razza, religione e orientamento sessuale.

IL CASO. Il pamphlet indirizzato alle scuole cattoliche della Tasmania e intitolato Non fare confusione sul matrimonio aveva già scatenato le ire della comunità lgbt all’inizio di settembre. Martine Delaney, attivista transessuale e candidato dei Verdi, aveva spiegato che la parola della Chiesa «offende ed umilia» le coppie formate da persone dello stesso sesso poiché mette in dubbio la sanità dei «bambini cresciuti da persone dello stesso sesso». Il 15 settembre, proprio Delaney aveva poi denunciato il caso, valutato e ora accolto dal dipartimento Antidiscriminazione che ha aperto le indagini. Il Senato ha poi bocciato una mozione presentata dal senatore Eric Abetz in difesa del diritto della Chiesa a distribuire il libretto. Porteous si era detto speranzoso di risolvere la questione attraverso la mediazione, ma Delaney ha fatto sapere che vuole le scuse del vescovo.

IL PAMPHLET. «La mia intenzione era quella di assistere la comunità cattolica nella comprensione degli insegnamenti della Chiesa in un periodo in cui il dibattito su queste vicende è diffuso all’interno della comunità (…) di inspirare il dibattito in quanto leader della Chiesa cattolica della Tasmania e di assicurare la comprensione della comunità cattolica su quello in cui crede rispetto al matrimonio». Nell’opuscolo di 18 pagine il vescovo ha solo ricordato alle scuole cattoliche che «la Chiesa cattolica ha profondamente a cuore il matrimonio perché è un bene fondamentale per se stessa, un istituto di naturale e umana fioritura benedetto da Dio».

Foto da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Saranno contenti i giullari dell’omofascismo.
    Fra un po’ sguinzaglieranno i loro pasdaran a sentire le omelie in parrocchia e riferire la spiata al loro capomandamento.
    Che buffoni.

  2. Cisco says:

    Questo personaggio transizionato in maniera inquietante a “donna” si offende di fronte al matrimonio cattolico: bene, il matrimonio “egualitario” offende i cattolici, ma nonostante questo i cattolici si oppongono democraticamente, non a forza di denunce. Il signor Martin – in arte Martine – farebbe bene a guardarsi allo specchio. E a capire che anche il matrimonio “cattolico” è legale in Australia. Almeno finchè non introdurranno quello shariatico.

  3. Antonio says:

    ‘sti degenerati si fanno sempre piu’ arroganti, forti del supporto dell’opinione pubblica e mediatica modaiole di cui godono oggi. Ai bei tempi, quando la società era decente e dignità e morale significavano qualcosa, avrebbero giustamente preso pedate nel sedere a raffica. Oramai la normalità è tabu’. Chissà quanto durerà questo squallore depravato, sicuro non sempre.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.