Disastro Afghanistan. I dati «nascosti» dall’America: ogni giorno 61 attacchi talebani, quasi tremila morti in un anno

Le forze afghane sono impotenti. La produzione illegale di oppio è raddoppiata rispetto al 1999 e genera profitti per circa tre miliardi di dollari

Gli occhi del mondo sono puntati sull’Iraq e sulla Siria, dove lo Stato Islamico non dà segni di cedimento. Ma anche in Afghanistan la guerra contro il terrorismo islamico non sembra sortire effetti: nel 2014 gli attacchi dei talebani sono tornati ai livelli del 2011 e la produzione di papavero da oppio, che alimenta il giro d’affari degli estremisti, è più che raddoppiata rispetto agli anni ’90. Lo afferma il quarto rapporto Sigar (ispettorato generale per la ricostruzione dell’Afghanistan), presentato giovedì al Congresso americano. Il rapporto delinea un quadro fosco della situazione nel paese.

ESERCITO INCAPACE. L’accusa più pesante al Pentagono fatta dagli ispettori per la ricostruzione è di aver bruscamente secretato documenti fondamentali per valutare le capacità militari dell’Afghanistan. L’ispettorato generale, nel rapporto, si è detto «profondamente turbato dalla decisione» della coalizione internazionale – in testa il Pentagono – «di classificare la sintesi della relazione che valuta la capacità dell’Ansf». Secondo Foreign Policy, la scelta della segretezza «solleva la possibilità inquietante che gli Stati Uniti stiano cercando di nascondere i significativi e persistenti problemi delle forze afghane che già hanno dimostrato l’incapacità di riempire il vuoto di sicurezza lasciato da parte delle forze americane in partenza».

61 ATTACCHI AL GIORNO. L’esercito afghano è stato attaccato nell’ultimo anno su più fronti, prosegue il rapporto. Ha un alto tasso di abbandoni, di morti e di feriti in combattimento. Fra il 2013 e il 2014, 36 mila soldati afghani sono stati esonerati. Secondo il Sigar, in un anno sono morti più di 2.850 soldati e altri 14 mila sono rimasti feriti. Citando le statistiche delle Nazioni Unite, viene riportato che il numero totale di attacchi dall’inizio dell’anno fino ad agosto è stato pari a 15.968, in media 61 al giorno, il secondo livello più alto dal 2011. Nonostante questi dati, l’amministrazione Obama ha confermato il ritiro graduale delle restanti 24 mila truppe americane, che terminerà nel 2016.

PRODUZIONE DI OPPIO IN CRESCITA. Ad alimentare l’insurrezione dei talebani è soprattutto il traffico di droga, da anni in forte espansione. La coltivazione del papavero è in crescita, rivela il Sigar. Nel 2013, gli ettari di terreno dedicati alla coltivazione del papavero erano circa 209 mila, con un incremento del 36 per cento rispetto al 2012. La dimensione del raccolto è raddoppiata rispetto al 1999. La coltivazione di oppio in Afghanistan dà posto a circa 411 mila lavoratori, superando in dimensione la forza complessiva delle forze di sicurezza afghane. Inoltre genera profitti per circa tre miliardi di dollari.
Mentre cresce la produzione di oppio, il governo afghano si trova ad affrontare gravi carenze di bilancio, secondo il rapporto. Nei primi sette mesi dell’anno, i ricavi dello Stato afghano sono stati inferiori agli obiettivi del governo del 22 per cento, in diminuzione del 3,8 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, conclude l’ispettorato.