Google+

A chi non piace l’auto elettrica? Agli autisti degli autobus pubblici di Oslo, per esempio

maggio 22, 2014 Matteo Rigamonti

In Norvegia, nella capitale europea della mobilità sostenibile, l’utilizzo di auto elettriche è cresciuto esponenzialmente. «Tenetele fuori dalle corsie preferenziali riservate ai bus»

La mobilità sostenibile, un po’ ovunque in Europa, è ormai diventata un mantra. Tra città praticamente chiuse al traffico delle auto e ciclabili per tutti, al cittadino medio che vuole recarsi in centro, senza sudare le camice di un Coppi o di un Bartali, non è rimasto che il mezzo pubblico. Da tempo, però, un nuovo mezzo si è affacciato nel sempre mutevole panorama urbano: l’auto elettrica. Che, sempre più spesso, ha iniziato a godere delle agevolazioni di cui i sindaci di mezza Europa hanno deciso di beneficiarle a motivo del loro scarso impatto ambientale in termini di emissioni di Co2. Prevalentemente di parcheggi gratis e accesso illimitato alle corsie preferenziali si tratta. Quelle stesse corsie che sono abitualmente percorse dai bus e, al massimo, dalle moto.

I NUOVI PROBLEMI DEL TRAFFICO. C’è un problema, però, cui gli amministratori finora non avevano ancora pensato. Ad Oslo, Norvegia, in quella che è universalmente conosciuta come la capitale dell’auto elettrica, la crescita esponenziale delle vetture a corrente ha fatto sì che le corsie preferenziali hanno iniziato a soffrire di problemi legati al traffico. E i bus del trasporto pubblico hanno cominciato ad arrivare in ritardo. Dapprima pochi minuti, ora molti di più. Regolarmente. Un fatto piuttosto insolito per un paese come la Norvegia.

FUORI DALLE CORSIE PER I BUS! «Le auto elettriche dovrebbero starsene fuori dalle corsie preferenziali riservate ai bus», confida l’autista norvegese Erik Haugstad al Wall Street Journal. Sempre più spesso capita che i passeggeri si lamentino dei ritardi. «Lo so che siete arrabbiati», dice loro il conducente di pulman Haugstad, «e mi dispiace molto. Ma non è che io possa farci più di tanto. Ci sono troppe auto elettriche».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.